BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ L’aiuto dell'Italia agli immigrati? Tolti 430 milioni alla cooperazione

Pubblicazione:

Profughi a Lampedusa, foto Ansa  Profughi a Lampedusa, foto Ansa

D’altra parte bisognerebbe ricordare al ministro Tremonti che negli anni della sua gestione i fondi destinati alla cooperazione allo sviluppo sono passati da circa 600 milioni a circa 170 milioni di euro. E 600 milioni sono meno di un settimo dell’obiettivo dello 0,7% del Pil sottoscritto solennemente anche dall’Italia durante gli ultimi G8, L’Aquila compresa. Una cooperazione così intesa, fatta di uno sguardo attento alla “innata dignità” dell’uomo - per usare un’espressione cara a Benedetto XVI -, non merita, ministro, uno sforzo maggiore?

Aiutiamo gli immigrati a casa loro, certo. Ma da esseri umani. Quindi, caro Tremonti, sia coerente, ci metta più soldi da spendere in modo sussidiario. Non sarà mai uno spreco.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
30/03/2011 - Aiutiamo il presente più presente. (claudia mazzola)

E' giusto aiutare chi viene sulla tua strada. Io ho incontrato Rosa 56 anni, povera e con un figlio di 28 disoccupato. Presto li porto al suo paese a trovare i genitori al cimitero, poi mi fa conoscere i suoi zii. Non sono brava, fosse per me non aiuterei nessuno, per ora penso a lei poi vedremo quale altra emergenza grazie a Dio incontrerò.

 
30/03/2011 - E agli italiani chi pensa? (Mariano Belli)

"“Privato sociale” in Africa vuol dire nella maggior parte dei casi la Chiesa cattolica, i suoi missionari e le loro opere, che sono a contatto con i bisogni reali delle persone, con la “gente-gente” e con il “popolo-popolo”. Bisogni reali, come avere una casa, trovare un lavoro o una scuola per i figli." Tutto ciò è molto bello, misericordioso e senz'altro nel solco dell'ideale evangelico. Però, quello che mi chiedo io, dato che non siamo purtroppo il Paese della cuccagna, è perchè non si pensa prima ai milioni di italiani che hanno enormi difficoltà con la casa, il lavoro, la scuola dei figli (e non parlo per me). Perchè queste persone vengono lasciate sole? (dallo Stato al quale hanno pagato le tasse sin dalla loro nascita) E' giusto dirottare questi aiuti altrove?