BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LIBIA/ L'intervista a Obama: "Armi ai ribelli, Gheddafi ha i giorni contati"

Parla il Presidente degli Stati Uniti e fa il punto sulla guerra a Gheddafi. L'America potrebbe fornire armi ai ribelli, una ipotesi in stato di valutazione. Contraria l'Italia

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Parla il Presidente degli Stati Uniti, intervistato dalla stampa americana. Obama non esclude si possa arrivare a fornire armi ai ribelli anti Gheddafi. E' in corso una valutazione delle forze in campo, spiega, e se fosse necessario è possibile arrivare alla fornitura di armi ai ribelli, una ipotesi in corso di verifica.

«Una delle questioni a cui stiamo cercando di dare risposta - ha aggiunto Obama nell'intervista all'Nbc, alla Abc, alla Cbs News- è se le forze di Gheddafi sono state sufficientemente indebolite, perché allora non sarebbe necessario armare i ribelli». Ma al momento non lo escludiamo ha poi aggiunto. Per Obama, Gheddafi avrebbe comunque i giorni contati. Ma non è ancora il momento di aprire un negoziato, come invece sostiene ad esempio l'Italia. Il gruppo di potere intorno a Gheddafi, spiega, ha capito di non avere più molte possibilità, ha i giorni contati. Ma è probabile che il Raìs non lo sappia e ritenga di continuare la sua guerra. Dunque none esistono ancora le condizioni per dar via a un negoziato formale con lui. «Quello che stiamo vedendo - ha detto il presidente americano - è che chi frequenta da vicino Gheddafi ha capito che il cappio si stia stringendo e che i loro giorni siano ormai contati. E per questo stanno pensando cosa fare in futuro, quali saranno i loro prossimi passi».