BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

REPORTAGE/ 2. La storia di Dan Que, arrestato dalla polizia vietnamita per aver difeso la patria

Pubblicazione:venerdì 4 marzo 2011

Il dottor Nguyen Dan Que Il dottor Nguyen Dan Que

In questo momento il governo di Hanoi sta tentando di mettere a tacere le proteste suscitate in Vietnam dalle difficoltà economiche e dall’onda lunga delle rivolte del medio Oriente  e del Nord Africa. Alcuni giorni fa, il dottor Nguyen Dan Que aveva sollecitato i suoi compatrioti a scendere in piazza per chiedere la libertà e “difendere la patria”. A seguito di questo invito, il 26 febbraio, il dissidente è stato arrestato, con l’accusa di voler rovesciare il governo.

 

Il Professor Doan Viet Hoat, ex prigioniero politico che ha scontato diversi anni di carcere insieme a Nguyen Dan Que ed è ora un attivista in esilio in America, in una recente intervista rilasciata a radio VOA (Voice of America), ha applaudito al grande senso di responsabilità nei confronti del destino del paese espresso da Nguyen Dan Que con la sua proposta. A suo parere, l’arresto del dissidente dimostra i timori del governo vietnamita di fronte ad un’ondata di proteste, che potrebbe assimilare il Vietnam al Medio Oriente e al Nord Africa.  

 

Anche il dottor Nguyen Dan Que, in un'intervista a VOA dell'inizio di questo mese, aveva affermato che: "C’è ora una grande opportunità di organizzare manifestazioni pacifiche in tutto il paese per costringere il Partito Comunista a rispettare i diritti umani e a mettere in atto la democrazia. In Vietnam i giovani possono comunicare con i telefoni cellulari, e-mail, Internet, Facebook, Twitter, mobilitare e organizzare, al momento opportuno, grandi proteste di piazza per chiedere la democrazia nel paese, come già è successo in Egitto. In Vietnam, tutti vogliono un cambiamento e l'atmosfera è esplosiva”.


  PAG. SUCC. >