BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

NEW YORK/ Accoltellata al petto dopo una lite su Facebook per 20 dollari

Uccisa dopo una lite su FacebookUccisa dopo una lite su Facebook

LITE SU FACEBOOK - Durante il weekend, la discussione si è aggravata, tra sms e messaggi su Facebook. Secondo il quotidiano inglese Daily Mail, Richards avrebbe postato un messaggio in cui si diceva: «Questo non si fa con nessuno. Non ho figli e mi rifiuto di prendermi cura di chiunque altro. Ho bisogno di quei 20 dollari… Questa è l’ultima volta che mi inganni convincendomi a darti del denaro». Henriques ha replicato: «Non cercare di impressionarmi. Ma non sono il tipo da parlarne su Facebook. Ci vediamo quando torni a casa dal lavoro». La discussione però è proseguita, e in serata Richards ha commentato: «Ride bene chi ride ultimo». Ed Henriques ha risposto a stretto giro: «Lo vedremo».

 

SOCCORSA DALL’AMBULANZA - Circa 24 ore dopo l’ultimo messaggio, Richards si sarebbe recata nell’appartamento di Henriques e avrebbe litigato di nuovo con lei sulla cifra di denaro. La discussione è iniziata nella cucina ed è continuata in una camera da letto, dove Richards è stata accoltellata. La ragazza è collassata in corridoio, dove è stata trovata da uno dei genitori di Henriques. «Kamisha non era nel panico – ha dichiarato al New York Daily News il padre della 18enne -. Anzi, era calma. Ho chiamato l’ambulanza e fatto pressione sulla ferita. Ho fatto tutto quello che potevo per cercare di salvarla». Il personale dell’ambulanza ha trasportato Richards al Brookdale University Hospital and Medical Center, dove è stata dichiarata morta. Gli investigatori avrebbero trovato il coltello da bistecca sulla scena del delitto, seguendo quindi la scia del sangue che portava a un appartamento vicino, dove Henriques è stata arrestata.