BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ 2. L’esperto francese: dall’Iraq alla Libia, le "crociate" occidentali fanno disastri

Ajdabiya colpita da un missile Ajdabiya colpita da un missile

Il movimento riformista del 2009 è stata una vasta mobilitazione che ha diviso la società iraniana, con esponenti anche importanti del clero che hanno protestato contro i brogli elettorali e l’estrema violenza della repressione della milizia. Il «movimento verde» manca di una chiara ideologia e di leadership, ma non vi è nessuna ragione perché si fermi fintanto che continua il regime dispotico e il sequestro del potere politico. Per gli oppositori, ogni occasione è valida per dimostrare: il regime approva la rivolta egiziana? Loro chiedono libertà e diritti civili per gli iraniani. Il regime appoggia i diritti democratici? Loro chiedono pluralismo politico e libertà per i partiti di opposizione…

Da un punto di vista etnico gli iraniani sono molto diversi dagli arabi. Può essere una spiegazione del motivo per cui la “primavera araba” finora non ha contagiato l’Iran?

Uno dei maggiori mezzi di comunicazione a disposizione delle rivoluzioni arabe è la televisione di Al-Jazeera, che fornisce informazioni dirette in arabo e diffonde notizie e foto sulle rivolte. Per gli iraniani, che hanno accesso alla BBC, a Voice of America o a canali persiani alternativi che trasmettono dall’Europa o dall’America, Al-Jazeera risulta meno attraente e non ha lo stesso impatto.

La democrazia può produrre effetti molto diversi dove tutti i musulmani sono di religione sunnita, come in Egitto, e dove ci sono anche gli sciiti, come in Iran e Siria?

La democrazia è un concetto astratto. Ciò che viene rifiutato è il dominio di minoranze nei loro Paesi e il governo di famiglie dispotiche e corrotte (Ben Ali, Mubarak, Gheddafi, Assad), ma manca una visione chiara del pluralismo politico, non si sa cosa vuol dire libertà di pensiero e alternanza al governo. L’obiettivo di molte rivolte popolari oggi (come in Iran nel 1979) sembra essere una sorta di unanimismo, la ricerca di una sovranità diffusa, più che diritti politici come si può sperimentare in democrazie più antiche.

Anche in Iraq gli sciiti sono la maggioranza…