BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

VIA CRUCIS/ Rio de Janeiro, Salvador de Bahia, Sao Paulo: il silenzio e i canti che stupiscono nel chiasso delle città

Persone che camminano in silenzio dietro la Croce, cantano, ascoltano brani dei Vangeli e di Peguy: le Via Crucis in Sudamerica sono un gesto rivoluzionario nel traffico di queste città

La Via Crucis a RioLa Via Crucis a Rio

Rio de Janeiro: Via Crucisnella Città Meravigliosa

Con una occupazione di quasi il 100% della rete di hotel durante il weekend di Pasqua la città di Rio de Janeiro è sempre più in evidenza. Ospiterà le Olimpiadi nel 2016, è stata protagonista di un film d'animazione realizzato negli Stati Uniti, andrà qui in scena la finale della prossima Coppa del Mondo nel 2014. E nonostante le moltissime cose grandi che accadono in città la Via Crucis del Venerdì Santo, il giorno della morte del Signore, è stato il gesto più importante dall'inizio di quest'anno a Rio. La croce, simbolo della Passione, sofferenza e salvezza, è stato il riferimento per circa 100 persone che hanno seguito il percorso.

Lungo le strade del centro di Rio de Janeiro sono stati recitati i versi di Charles Peguy, i vangeli della Settimana Santa e le canzoni della tradizione della Chiesa cattolica. Il traffico ancora tranquillo a causa della festa è stato interrotto all'inizio della passeggiata. Alcuni motociclisti suonano con impazienza, ma il percorso prosegue nel Parco del Flamengo, in un tratto chiuso al traffico automobilistico. La croce davanti è il segno da seguire. Padre Enrico Arrigoni e Padre Paolo Romao hanno guidato la gente lungo la strada. Nel primo testo di Péguy si è capito perché queste persone si sono raccolte. Il poeta ha detto che Lui "ha introdotto il disordine”. E più tardi l'autore ha spiegato che era "il più grande ordine che c’era nel mondo".

La salita all’Outeiro da Glória è avvenuta con un sole forte, nel silenzio. La Via Crucis nella Città Meravigliosa era un segno di obbedienza a chi portava la Croce e anche una testimonianza per una società che è alla deriva. Se per molte persone la Settimana Santa è l'occasione per viaggiare, fare una pausa e sfuggire al quotidiano, questo gesto è stato un punto di riferimento nel momento più importante della vita liturgica della Chiesa cattolica.

(A cura di Elizabeth Sucupira)