BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

COSTA D’AVORIO/ Il racconto: la gente è esasperata, senza cibo e cure mediche

CARLO ZORZI, rappresentante Avsi in Costa d'Avorio, ci aggiorna da Abidjan (la città principale ed epicentro del conflitto) sull’evolversi del conflitto che sta dilaniando il Paese africano

Un gruppo di soldati fedeli a OauttaraUn gruppo di soldati fedeli a Oauttara

Continua il conflitto tra i due presidenti; quello uscente, Laurent Gbagbo, che -  benché sconfitto nel novembre scorso - non intende lasciare il potere, e quello legittimo, Alassane Oauttara, riconosciuto dalla Comunità internazionale. Gli scontri stanno investendo, in particolare, Abidjan, principale città della Costa d'Avorio e roccaforte di Gbagbo, mentre il resto del Paese sarebbe stato riconquistato dalle milizie di Oauttara. Nel frattempo, migliaia di profughi stanno fuggendo in Liberia, mentre Francia e Nigeria hanno proposto una bozza di risoluzione che imponga sanzioni contro Gbagbo; le truppe francesi di peacekeeping, che sostengono la missione delle Nazioni Unite Onuci,  intanto, hanno preso il controllo dell'aeroporto di Abdijan. Al momento, tuttavia, non è chiaro come e quando l’intera vicenda avrà fine. Carlo Maria Zorzi, rappresentante AVSI in Costa d'Avorio, presente sul posto, ci ha ragguagliato sugli ultimi sviluppi.

Cosa sta accadendo in queste ore?

In questo momento, la situazione è di calma apparente, di attesa. Attesa di cosa, tuttavia? E perché, questa calma apparente, ci si domanda? Cosa preannuncia questo stato di cose? Le informazioni sono state tagliate, come le connessioni internet. E’ praticamente impossibile sapere cosa stia realmente succedendo tra le due fazioni e cosa aspettarsi nelle prossime ore. Tutto ciò sta generando nella popolazione una certa inquietudine.

Cosa si sa del resto del Paese?

Si sa che il resto del Paese è stato conquistato, città dopo città, dalle forze scese dal nord, fedeli al presidente Oauttara, senza troppi spargimenti di sangue. Dalle informazioni che abbiamo, nelle altre zone non ci sarebbero gli stessi problemi di Abidjan, dove si sta combattendo da 4 giorni senza che si possa intravedere via d’uscita.

Chi appoggia i due presidenti?