BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

LIBIA/ Ucciso il figlio di Gheddafi, Saif al-Arab

Un bombardamento Nato nella notte su un obiettivo militare. Ucciso dalle bombe il figlio più piccolo di Gheddafi, 29 anni, e anche tre nipotini del Colonello

Foto ImagoEconomicaFoto ImagoEconomica

Raid della nato su Tripoli nel corso della notte di sabato. Il risultato è la morte del figlio più piccolo di Gheddafi, Saif al-Arab. Sarebbero morti anche tre nipotini del Colonello, presumibilmente i figli dello stesso Saif, che aveva 29 anni.

Lo ha annunciato nel corso della nottata il portavoce del regime libico. Per la Nato,l'obbiettivo era una struttura militare nel centro di Tripoli, in cui evidentemente si trovavano anche i membri della famiglia Gheddafi. Il Colonello si sarebbe trovato anche lui nella struttura ma è uscito illeso dai bombardamenti.  «Saif al-Arab stava giocando e parlando con suo padre, la madre, i suoi nipoti e altri amici quando è stato attaccato per non aver commesso alcun crimine» ha commentato il portavoce libico. A Misurata, la città in mano ai ribelli, quando si è diffusa la notizia della morte del più giovane dei Gheddafi la gente è esplosa in secerne di giubilo. Cantavano «Allahu Akbar» - cioè «Dio è grande». Anche a Bengasi scene di giubilo e festeggiamenti alla notizia.



COMMENTI
01/05/2011 - "Chi di spada ferisce..." (Giuseppe Crippa)

Sono dispiaciuto che siano morti dei bambini, ed anche un giovane non ancora trentenne, il figlio di Gheddafi. Che però vittime della violenza della guerra possano essere capi militari come costui e come suo padre lo trovo meno ingiusto a confronto delle sofferenze delle vittime civili e dei semplici soldati ai quali la guerra è stata imposta da costoro.