BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

J’ACCUSE/ Meunier (cristiani copti): i militari vogliono regalare l’Egitto agli islamisti

Piazza Tahrir (Foto ANSA)Piazza Tahrir (Foto ANSA)

No, penso proprio di essere l’unico. I copti stanno fuggendo, molti di loro sono spaventati e preoccupati per le loro vite, i loro beni e le loro famiglie. Io sto facendo il possibile per calmarli e mi auguro che il Consiglio Militare prenda delle misure per inviare un messaggio chiaro, affermando che l’Egitto è un Paese sicuro, in modo che i cristiani rimangano e partecipino alla transizione politica.

Il dialogo tra cristiani e musulmani in Egitto è possibile?


Il dialogo è possibile, siamo fratelli e sorelle vissuti gli uni accanto agli altri per molti secoli e la maggioranza dei musulmani egiziani non sono dei fanatici. L’attuale problema è che gli elementi fanatici stanno alzando la voce sempre di più, incrementando così la tensione da entrambe le parti. La nuova situazione sta preoccupando gli stessi musulmani moderati. Ma la domanda cui è più difficile rispondere è perché il Consiglio Militare non si stia impegnando per risolvere questo problema. Al contrario, i militari stanno dando voce ai fanatici, concedono loro spazio sui media e facile accesso alle risorse del governo. E questo crea nella gente l’impressione di trovarci già in uno Stato islamico.

Ma qual è il motivo di questo comportamento del Consiglio Militare?

E’ la domanda che si stanno ponendo tutti. Personalmente ritengo che questa applicazione sbagliata del concetto di democrazia sia un errore di valutazione, o un segno di debolezza. Escluderei che il Consiglio Militare sia mosso da cattive intenzioni, anche perché sta gestendo una situazione e un compito oggettivamente difficili. Ma non li stanno affrontando nel modo giusto, probabilmente per la paura di essere visti come l’esercito che spara al suo popolo. Ma quando hai a che fare con dei fanatici, o dei criminali, non ci sono possibili scappatoie: devi applicare la legge.

Quali sono le riforme più urgenti per dare ai copti uguali diritti?