BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

STATI UNITI/ Obama, piano di aiuti per il mondo arabo

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama per la seconda volta in poco tempo si rivolge al mondo islamico. Annuncia un piano economico per sostenere i paesi arabi

Foto Ansa Foto Ansa

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama per la seconda volta in poco tempo si rivolge al mondo islamico. Lo ha fatto oggi in un discorso che è stato soprannominato "Cairo II", un discorso dedicato alle popolazioni arabe impegnate nelle rivolte ma in generale al tutto il mondo islamico. Un nuovo porgere loro la mano specie adesso che bin Laden è stato eliminato. Come hanno osservato in molti, Obama si concerta maggiormente sulle rivoluzioni che sull'annoso conflitto israelo-palestinese e segna dunque un cambio di strategia verso il mondo arabo. Nelle parole di Obama, un piano di aiuti di diversi miliardi di dollari per i paesi arabi, sul tipo di quanto fatto per aiutare i paesi del blocco ex sovietico dopo il crollo del Muro di Belrino. Un piano che inizialmente interesserà Tunisia ed Egitto. L'ex consigliere sulla sicurezza nazionale Jim Jones aveva così commentato quanto sta succedendo in Nord Africa: «Quel che sta succedendo nel Medio Oriente e in Nord Africa è l'evento storico più importante dalla fine della Guerra Fredda. L'incapacità di fare progressi sta danneggiando tutte le parti coinvolte».



COMMENTI
19/05/2011 - Timeo Danaos... (Francesco Giuseppe Pianori)

"Timeo Danaos et dona ferentes", dicevano i Romani. I Greci erano ai loro occhi poco affidabili anche quando portavano doni. C'è qualcosa che non mi convince in questa proposta di Obama, diciamo così "a pelle". Tutta l'Amministrazione Americana attuale non la sento sincera. Non credo che il Presidente degli Stati Uniti voglia attuare una sorta di Piano Marshall per il mondo arabo; mentre lo vedo sempre più succube delle scelte e della politica dell'Arabia Saudita. Mi dispiace dirlo e spero vivamente di sbagliarmi: mi appare più come un traditore che come un benefattore. Sta svendendo l'America e l'Europa, fra l'altro ad un prezzo da saldi.