BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MEDIO ORIENTE/ Così una firma mette Israele con le spalle al muro

Pubblicazione:martedì 3 maggio 2011 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 4 maggio 2011, 20.41

Il leader di Hamas I. Haniyeh con il presidente M. Abbas (Ansa) Il leader di Hamas I. Haniyeh con il presidente M. Abbas (Ansa)

C’è di fatto che la Francia non è un paese arabo e non è neppure la Russia o il Brasile, per i quali, seppur per scopi politici diversi, il riconoscimento della Palestina appare più scontato. La Francia è un Paese europeo che nel sistema internazionale pesa dalla parte dell’Occidente e che ha sempre intrattenuto ottimi rapporti con Tel Aviv. Questo potrebbe far preconizzare che il clima internazionale si stia muovendo a favore della creazione dello Stato palestinese e, di conseguenza, le scelte dello Stato ebraico saranno adesso determinanti per disegnare il futuro assetto regionale.

Israele potrà scegliere di essere più prudente e più accondiscendente, tanto più che l’alleato storico egiziano è divenuto molto meno malleabile, le difficoltà del regime siriano alla frontiera impauriscono il governo di Netanyau e nel processo di ridefinizione regionale gli Usa sembrano sempre più impacciati e meno in grado di trovare uno spazio d’influenza. Ma nella riapertura del dialogo, perché non si riviva l’ennesima puntata di una storia che conosciamo a memoria, Israele dovrebbe in qualche modo superare la sua consuetudinaria abitudine di prendere tutto senza dar nulla in cambio.

Perché un’eventuale riapertura del negoziato riporterebbe sul tavolo le questioni avite, sempre le stesse: il ritorno dei rifugiati, la questione di Gerusalemme Est e il ritiro entro i confini della guerra del 1967. Su questi dossier Israele ha sempre fatto la bimba capricciosa, anche perché le circostanze glielo permettevano. Ma le cose adesso stanno diversamente e Israele potrebbe considerare che fare delle rinunce, in un clima regionale suscettibile al cambiamento, condurrebbe più facilmente a una normalizzazione dei rapporti con i vicini arabi. Se, invece, Tel Aviv dovesse restare sulla sua linea tradizionale, non è affatto improbabile che il conflitto arabo-israeliano si riaccenda.


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >

COMMENTI
04/05/2011 - ...bimba capricciosa?! (Gaetano Nascimbeni)

Interessante articolo ma alcune affermazioni sono molto discutibili. Si possono avere molte ragioni per dissentire dalla politica israeliana, ma termini come “bimba capricciosa” mi sembrano inaccettabili. Tanto più se si parla di temi cruciali per Israele come il ritorno dei rifugiati, che metterebbe a repentaglio la stessa esistenza del Paese, la questione di Gerusalemme Est, vista l’importanza che questa città ha per gli ebrei, e il ritiro entro i confini della guerra del 1967. A questo proposito vien da porre una domanda: perché i palestinesi dal 1948 al 1967, quasi vent’anni, invece di costituire un proprio Stato, hanno preferito con altri Stati arabi continuare lo stato di guerra con Israele? Evidentemente l’obiettivo non era un loro Stato, ma la cancellazione della “bimba capricciosa”. Né sembra sostenibile che Israele abbia sempre voluto “prendere tutto senza dar nulla in cambio”. Forse mi sbaglio, ma gli accordi di Camp David, che sollevarono nel mondo tante speranze, sono stati disattesi innanzitutto da Arafat e dalla dirigenza palestinese. La decisione di Sharon di ritirarsi dalla Striscia di Gaza sarà anche stata strumentale, ma era una possibilità per dar vita ad un inizio di Stato palestinese. Invece Hamas e Al Fatah si sono fatti guerra tra loro, e quest’ultima è stata di fatto cacciata da Gaza. Siamo sicuri che sia Israele che vuole prendere tutto?

RISPOSTA:

Parto subito con il darle ragione sulla portata eccessivamente parziale dell’espressione “bimba capricciosa”. Una facile tentazione dettata dal fatto di scrivere su una questione – quella isrelo-palestinese - che è forse rimasta la più grande calamita ideologica “globale” (almeno dopo il crollo dell’Unione Sovietica e dell’affievolimento dell’opposizione tra socialismo e capitalismo tipico della Guerra Fredda). Il mio intervento, tuttavia, mirava a dare una panoramica degli interessi relativi degli attori in gioco in rapporto ai possibili scenari che questa riconciliazione potrebbe aprire e non – sinceramente - ad assumere una posizione specifica. A questo proposito mi permetta di chiarire qualche elemento e di proporle il mio personale punto di vista in merito alle questioni che lei pone: circa il perché i palestinesi non si sono impegnati a costruire il proprio Stato tra il 1948 e il 1967, penso che la risposta vada cercata nell’osservazione della realtà storica del mondo arabo di quel momento. I confini degli Stati arabi sono stati determinati – come lei saprà – dalle potenze coloniali europee e i processi di indipendenza si collocano per lo più intorno alla metà del secolo. Il mondo arabo non era allora una realtà che aveva integrato tra le sue categorie concettuali le nozioni di statualità e sovranità. Tant’è vero che, almeno fino all’inizio degli anni 70, la creazione di una grande nazione araba senza confini statali (la Umma arabiyya) era il progetto politico prioritario di tutta la regione, principale punto del programma dei nazionalismi arabi. Nonostante ciò, in quel periodo ci fu una proposta dei palestinesi agli israeliani di creare uno Stato binazionale, che avrebbe dato continuità a una concezione di un territorio in cui da molto prima del 1948 arabi, musulmani, cristiani ed ebrei condividevano la vita sociale pacificamente (gli ebrei erano molto presenti in tutto il Medio Oriente). La risposta degli israeliani fu secca: “No! Noi vogliamo costruire il nostro Stato ebraico”. Uno Stato estremamente esclusivo, dunque, e a fondamento religioso, cosa che – in virtù di una concezione internazionalistica del diritto e del carattere secolare degli Stati – a me personalmente crea problemi almeno quanto una Repubblica islamica. Inoltre quelle che lei giustamente definisce questioni di importanza “vitale” per Israele lo sono però – altrettanto giustamente - anche per gli arabi. Non solo per i Palestinesi ma anche per gli altri paesi limitrofi. In Libano, per esempio, vivono 400.000 palestinesi, per la maggior parte in campi e in condizioni di povertà allucinanti. Per il Libano questo è un problema macroscopico. Al paese dei Cedri è stato spesso rimproverato dai paesi europei di non voler concedere la nazionalità ai palestinesi, come fece la Giordania… ma 400.000 palestinesi in un paese di 4 milioni di abitanti sono una cifra che altererebbe pericolosamente gli equilibri demografici! Per di più in un territorio dove l’assetto sociale si basa sulla frammentazione delle identità confessionali e che è già abbastanza precario così com’è per complicarlo ancora. Resta comunque che questi 400.000 individui avranno pur diritto ad avere un passaporto prima o poi… o pensiamo che tenerli nel limbo per l’eternità sia la soluzione più giusta o che al massimo la questione si possa risolvere scaricandoli su un atro Stato? E se poi uno Stato deve essere creato, pensa che si possa costruire su territori non contigui? La base di un’identità nazionale è l’unità territoriale. Come si può concepire che una persona per raggiungere un altro punto del suo paese debba passare un check point frontaliero? Suvvia! Mi dirà che Israele quei territori li ha conquistati e che quindi ne è detentore legittimo. Per carità, la guerra di conquista è il più antico strumento di politica internazionale. Ma l’importante è che chiamiamo le cose con il loro nome con termini che la modernità politica e il diritto internazionale ci offrono copiosamente. Perché la creazione dello Stato di Israele è stata una colonizzazione. Chiamarla “ritorno nella terra promessa”, caricarla di significati attinti altrove rispetto all’insieme delle nozioni universali con cui definiamo le relazioni internazionali è, secondo me, retorica strumentale. Sono infine d’accordo con lei sul fatto che i palestinesi - o alcuni capi politici palestinesi - hanno spesso preferito occuparsi della loro vanità personale, adottando posizioni e atteggiamenti che hanno contribuito notevolmente alla stagnazione dei negoziati. Più in generale, sono profondamente convinta del fatto che la mancanza di unità tra gli arabi sia uno dei molteplici fattori che ci spiegano perché la pace con Israele non sia stata raggiunta. Dall’altro lato, tuttavia, resto convinta che l’intransigenza assoluta di Israele sui tavoli negoziali sia stata altresì determinante alla radicalizzazione del clima politico regionale. MC