BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

Bin Laden e Al Qaeda volevano colpire i treni Usa

Foto Ansa Foto Ansa

L’agente finì in prigione, mentre venne a galla che i due uomini erano funzionari dell’Isi, il servizio segreto Pakistano, in odore di connivenza con l’estremismo. Per mesi gli Usa rivendicarono la liberazione dell’uomo in virtù dell’immunità diplomatica di cui godeva, mentre il Pakistan continuava a replicare che la giustizia avrebbe dovuto fare il suo corso. Resta da comprendere se Davis, che nel frattempo è stato liberato, fosse implicato nella vicenda che ha portato all’eliminazione di Bin Laden.

Nel frattempo, Mike Rogers deputato repubblicano a capo della commissione intelligence della Camera, spiega che la lotta al terrorismo, grazie alla morte del suo massimo esponente, sta impennandosi: «Gli indizi raccolti durante il raid daranno frutti nella lotta globale al terrorismo nei mesi a venire», ha detto, precisando, in merito alla cattura di Al Zawahiri: «Abbiamo molte informazioni su di lui. Non posso dire che sia imminente, ma credo che ci stiamo avvicinando».

© Riproduzione Riservata.