BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ 1. Wang (Usa): perché la morte di Bin Laden manda in tilt i media?

Pubblicazione:lunedì 9 maggio 2011 - Ultimo aggiornamento:lunedì 9 maggio 2011, 10.51

Il presidente Usa Barack Obama arriva alla Casa Bianca (Ansa) Il presidente Usa Barack Obama arriva alla Casa Bianca (Ansa)

Comprendo che c’era pressione per dare la notizia prima degli altri e a volte, quando sono diffuse delle breaking news, le cose diventano molto confuse, ma essere primi e sbagliati non è affatto qualcosa di cui andare orgogliosi. Ci si deve interrogare se tutto ciò possa giovare al pubblico, e certamente il fatto di raccontare una notizia in modo sbagliato non aiuta il pubblico in nessun modo. Ma queste sono state soltanto le prime ore. Dopo l’annuncio è emerso che si trattava di una notizia differente. In un certo senso era una notizia difficile da seguire perché i reporter erano molto dipendenti dalla versione dei fatti fornita dalla Casa Bianca, e non c’erano molti modi per poter verificare in modo indipendente quanto era stato raccontato. Certamente ci sono state molte incomprensioni e dettagli imprecisi nel modo con cui la notizia è stata seguita nella fase iniziale. In parte ciò era dovuto al fatto che i reporter cercavano di riempire le lacune in quanto la versione ufficiale in alcuni punti era vaga. E non è stata solo colpa dei media, perché anche la Casa Bianca ha modificato il suo modo di raccontare la notizia dopo essersi resa conto che c’erano diverse imprecisioni.

Che cosa ne pensa del modo con cui la Casa Bianca ha gestito la comunicazione della morte di Bin Laden?

La stessa Casa Bianca ha in qualche modo discusso questo aspetto. Il portavoce Jay Carney ha affermato che avevano fatto il loro meglio per dare la notizia in modo tempestivo, e che quindi hanno indicato in modo errato alcuni fatti. Riguardando i filmati di alcune delle conferenze stampa, è possibile vedere che diversi funzionari si sono contraddetti l’un l’altro nel corso dello stesso identico incontro con i giornalisti. Sarebbe stato certamente meglio se fin dal primo momento avessero fornito in modo corretto tutti i dettagli sul raid, ma non sembra si sia trattato di un errore fatto di proposito. Piuttosto, c’era un numero elevato di funzionari che raccontavano un sacco di cose, e quindi sono stati commessi degli sbagli. Dal punto di vista della comunicazione pubblica, per loro è un episodio spiacevole, perché si trattava di un evento importante e cambiare la versione dei fatti di per sé solleva dei sospetti.

Mostrare le foto del cadavere di Bin Laden è un atto doveroso, o produrrebbe effetti negativi?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >