BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SIRIA/ Aumenta la repressione. L’esercito fa 10 morti nelle ultime ore

Nel nord  del Paese le autorità hanno ripreso il controllo della città di Jisr al-Shughour. L’esercito, inviato dal presidente al Assad, sta soffocando le rivolte nel sangue.

Foto: Imagoeconomica Foto: Imagoeconomica

Continua, in Siria, la repressione violenta delle manifestazioni dei cittadini. Nel nord  del Paese le autorità hanno ripreso il controllo della città di Jisr al-Shughour. L’esercito, inviato dal presidente Bashar al Assad, sta soffocando le rivolte nel sangue di villaggio in villaggio. Nelle ultime ore ad Ariha, a nord ovest, sono state uccise, a quanto riferisce la Bbc, dieci persone ad opera di cecchini, mentre i governativi giustificano le loro azioni affermando di stare dando la caccia a «gruppi terroristici armati». Sono stati inviati carri armati anche ad est. Nel frattempo, la Turchia – il cui premier Erdogna ha recentemente dichiarato di non potere più sostenere la Siria e ha invocato l’intervento dell’Onu – continua ad accogliere migliaia di profughi. Sono giunti a quota 8.538 (2mila son arrivati nella notte)  i siriani che hanno oltrepassato il confine per scampare al conflitto. Il ministro degli Esteri italiano, Franco Frattini, ha chiesto alla Nazioni Unite di esprimere «una voce forte e chiara che dica al regime di Assad che c'è un'ultima possibilità, senza alternative, di cessare le violenze di fare le riforme».