BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ 2. Mario Mauro (Pdl): c'è una sola via per evitare il collasso dell’Europa

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Imagoeconomica  Foto Imagoeconomica

La crisi del debito che attanaglia l’Unione europea da parecchi mesi resta la maggiore fonte di preoccupazione per le istituzioni comunitarie. In molti paesi, soprattutto in Grecia, i nostri concittadini sono disorientati e profondamente inquieti per il proprio avvenire e per quello dei propri figli. Dobbiamo continuare a fare il possibile per farli uscire dalla crisi, con uno spirito di solidarietà e responsabilità.

La Grecia ha la possibilità di avere accesso a un ammontare significativo derivante dal fondo di coesione. Dobbiamo accelerare questo processo, con l’intento di dare impulso alla competitività e all’occupazione. La realizzazione del piano di riforme richiede uno sforzo enorme per il popolo greco, l’Unione europea ha il dovere di continuare a dare loro una speranza. Questa speranza oggi si chiama crescita, e i tagli effettuati sono il sacrificio necessario per raggiungere questo obiettivo.

Le nuove regole, che verranno approvate nel mese di luglio, sono mirate a stimolare la competitività dell’Unione europea e a prevenire future crisi economiche e di bilancio degli stati membri. Questo risultato ci avvicina molto a ciò di cui necessita l’Unione europea oggi: finanze pubbliche sane, crescita più intelligente, più trasparenza e responsabilità. Se con l’euro noi siamo stati capaci di dare vita a un'unione economica e monetaria, la parte “economica” è ancora insufficiente e oggi ne paghiamo le conseguenze. L’imperativo deve essere l’utilizzo del metodo comunitario per evitare che i paesi membri vengano meno ai loro impegni, come è già successo in passato.

Quando il Consiglio, insieme al Parlamento, decide sulle regole economiche che i 27 paesi membri devono rispettare, questi non possono chiedere deroghe alla prima occasione. La crisi economica ha il merito di permetterci di imparare severe lezioni dal nostro passato. Quello che dobbiamo attenderci è che, d’ora in poi, sia la leadership della Commissione e delle Istituzioni europee a convincere i governi nazionali a conciliare i nostri ideali con i nostri interessi.



  PAG. SUCC. >