BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GRECIA/ Lo sciopero di 24 ore paralizza le città

Pubblicazione:martedì 28 giugno 2011

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

ATENE (GRECIA) 28 GIUGNO 2011 - Uno sciopero di 48 ore sta paralizzando la Grecia. I sindacati hanno indetto la manifestazione per protestare contro le misure di austerity che il Parlamento si sta apprestando a varare. Si tratta di provvedimenti  necessari perché l’Europa e il Fondo monetario internazionale concedano la seconda tranche del pacchetto di aiuti per evitare il default. E‘ anche la condizione perché si dia inizio a quella serie di investimenti da parte di privati proposti da Francia e Germania. Tuttavia, i sindacati, e l’opposizione di centrodesta, ritengono le misure inutili e inadeguate. «Noi ci opponiamo a quello che stanno tentando di farci. Sappiamo bene che queste misure sono la nostra pietra tombale. Avranno conseguenze estreme sui lavoratori e su tutti gli strati sociali», fanno sapere le sigle sindacali preoccupati, anzitutto, che quanto approverà il Parlamento possa incidere sulla stagione turistica incipiente. Nel frattempo, da stamattina, il settore del trasporto aereo è bloccato, oltre al trasporto urbano e marittimo. Solo la metro funziona, «proprio per permettere la partecipazione alla manifestazione», hanno dichiarato gli organizzatori. Oggi, intanto, ancora una volta, dopo i primi istanti di manifestazione pacifica, si sono verificati dei tafferugli davanti al ministero delle Finanze e al Parlamento: la polizia ha usato i gas lacrimogeni, mentre gruppi di persone con le bandiere nere, segno distintivo dei movimenti anarchici più radicali, hanno cercato lo scontro con le forze dell’ordine. 


  PAG. SUCC. >