BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LIBIA/ Per far fuori Gheddafi l'Aja si traforma in un Tribunale dell'Inquisizione

Pubblicazione:

Muhammar Gheddafi (Imagoeconomica)  Muhammar Gheddafi (Imagoeconomica)

Il crescente imbarbarimento sostanziale delle relazioni internazionali ha fatto un ulteriore passo avanti l’altro ieri con il mandato di cattura spiccato dalla Corte internazionale dell’Aja contro il leader libico Muammar Gheddafi per “crimini contro l’umanità sotto forma di omicidi e persecuzione” e “atti inumani” commessi in Libia dal 15 febbraio ad almeno il 28 febbraio scorsi. La camera pre-processuale della Corte (qualcosa di paragonabile al nostro giudice per le indagini preliminari, Gip), presieduta dal sudtirolese Cuno Tarfusser, ha così accolto la richiesta del procuratore-capo, l’argentino Luis Moreno Ocampo. Beninteso, Gheddafi è quello che è, ma a che cosa serve calare in un caso del genere la carta della giustizia penale?

Seguendo il pessimo esempio italiano anche la Corte dell’Aja, in piena età post-moderna, si sta progressivamente trasformando in un laico tribunale dell’Inquisizione; e senza neanche avere le giustificazioni storiche, e nemmeno le garanzie giuridiche (straordinarie per l’epoca), che ebbe a suo tempo la Santa Inquisizione. Almeno un quarto ahimè dei leader dei Paesi oggi membri dell’Onu potrebbero venire incriminati per gli stessi motivi addotti riguardo a Gheddafi. E non si tratta soltanto di personaggi impresentabili ma anche di capi di grandi democrazie, se è vero - come è vero - che ad esempio i servizi segreti e le “forze speciali” degli Usa possono legittimamente avere la “licenza di uccidere” ovvero l’autorizzazione ufficiale a procedere ad omicidi politici. Non è bello, ma è così; e la soluzione al problema non passa di certo attraverso l’estensione a questi ambiti di meccanismi giudiziari nati e cresciuti sostanzialmente a misura del diritto privato. 

Anche se secondo il ministro Frattini il mandato di cattura contro Gheddafi “legittima ulteriormente l’assoluta necessità e l’alto valore della missione della Nato in Libia” è ormai chiaro a chiunque che i bombardamenti della Nato - in aperta violazione del mandato ottenuto dall’Onu - non hanno altra mira se non quella di uccidere Gheddafi, con tutti gli inevitabili “effetti collaterali”. Circola poi la notizia di unità di incursori militari inglesi e francesi sbarcati segretamente in Libia con l’incarico di scoprire dove il colonnello-dittatore  si nasconda e di liquidarlo facendo eventualmente strage di familiari e altri civili che si trovassero con lui. E si tenga conto - giova ricordarlo - che non si è in guerra, ma si sta semplicemente facendo, come dice il presidente Napolitano, un’operazione di polizia internazionale. A che cosa serve invece tutto questo in realtà se non a complicare una situazione già abbastanza complicata?



  PAG. SUCC. >