BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

HILLARY CLINTON/ Dal 2012 lascio la politica

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

HILLARY CLINTON LASCIA LA POLITICA - Hillary Clinton lascia la politica. Non subito, ma quasi. La scadenza prefissata è l’anno prossimo, in coincidenza con le presidenziali. Il segretario di Stato americano – ci ha tenuto a sottolinearlo – ama quello che fa. «Ma non voglio mentire. Sono stanca. Vorrei passare del tempo con i miei amici e la mia famiglia e non essere in giro per il mondo tutto il tempo». 18 mesi di durissimo lavoro, ancora, poi, il ritorno alla vita privata. Già in passato, colloquiando con la Cnn, aveva riferito che avrebbe lasciato la politica laddove Obama fosse stato riconfermato. E che, in ogni caso, non era interessata ad assumere nuove cariche in una seconda amministrazione guidata dall’attuale presidente. Difficile stabilire se alla parole seguiranno i fatti. O se all’ultimo spunterà un’impellenza talmente grave e stringente da obbligarla a tornare sui suoi passi per senso di responsabilità. E’ tipico dei politici, del resto, utilizzare formule del genere per riciclarsi di continuo. Sta di fatto che, se realmente dovesse lasciare, si chiuderebbe un’era. La vita della Clinton (Rodham, da signorina) è stata costellata di successi che prescindono dal cognome che ha assunto. Fu una delle uniche due donne, all’epoca, a diventare membro dall’University of Arkansas, Fayetteville School of Law, e come avvocato fece parte dell’impeachment presidenziale ai tempi di Nixon, informando il Comitato giudiziario durante il Watergate. Da first lady al fianco di Bill Clinton venne considerata la moglie presidenziale più influente dai tempi di Eleanor Roosevelt. Venne apprezzata per l’aplomb con il quale superò  il sexgate che vide coinvolto il marito. Il che contribuì ad affermarne l’immagine. 



  PAG. SUCC. >