BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SERBIA/ Arrestato il criminale di guerra Goran Hadzic: il commento del giornalista croato Dario Sastich

Le autorità serbe hanno arrestato Goran Hadzic, ultimo criinale di guerra serbo ricercato dal Tribiunale internazionale dell'Aja. Il giornalista croato Dario Sastich spiega i retroscena

L'arresto di Goran Hadzic, foto Ansa L'arresto di Goran Hadzic, foto Ansa

SERBIA, ARRESTATO GORAN HADZIC: PARLA IL GIORNALISTA CROATO DARIO SASTICH - Era l'ultimo criminale di guerra serbo ricercato dal Tribunale internazionale dell'Aja. Nel giro di poche settimane le autorità serbe hanno così fatto quello che non avevano fatto per più di quindici anni: assicurare alla giustizia criminali come Mdladic, arrestato poche settimane fa, e adesso Goran Hadzic. Certamente un segnale da parte della Serbia nei confronti dell'Unione europea per accelerare l'ingresso del paese slavo nella comunità. Di fatto, non la conclusione, come dice in questa intervista esclusiva rilasciata a Ilsussdiario.net, il giornalista croato Dario Sastich (del quotidiano istriano in lingua italiana "La voce del popolo"), soprattutto non ancora la riconciliazione effettiva fra quanti sono stati vittime della brutalità serba durante la guerra degli anni 90. "Ci si guarda ancora con sospetto" dice Sastich "tra serbi e croati: Non è facile dimenticare quanto successo".


Il nome di Goran Hadzic è legato alla secessione della regione croata della Krajina: che cosa accadde esattamente?

La Krajina era una piccola regione all'interno della Croazia comprensiva di territori distanti fra loro centinaia di chilometri. Una parte nella Slovenia orientale, sulle rive del Danubio, dove viveva e operava Hadzic, e una che comprendeva l'entroterra della Dalmazia. Due territori abitati da una maggioranza serba anche se molto relativa. Nel 1991, quando la Croazia proclama la sua indipendenza, anche i serbi di questa regione decidono di fare lo stesso proclamando la Repubblica serba della Krajina, mai riconosciuta non solo dalla Croazia ma neppure dalla Serbia.

Per quanti anni esisterà questa repubblica?

Fino al 1995, quando l'esercito croato entra nella parte meridionale della Repubblica, sbaragliando le truppe serbe. La parte vicino al Danubio invece viene reintegrata pacificamente un paio di anni dopo.

Dunque Goran Hadzic agisce in questo contesto territoriale. Che ruolo aveva, ufficialmente?

Hadzic era originario della zona di Vukovar, dove nel 1990, nel periodo di transizione tra il regime comunista jugoslavo e la nuova democrazia, viene eletto segretario del partito democratico serbo a Vukovar. Diventa poi capo esecutivo dello stesso partito anche in Dalmazia, quindi vicepresidente del comitato regionale per la Slovenia orientale, infine anche Presidente della repubblica serba di Krajina dal 1992 al 1993.

Era un politico, non un militare?

In quegli anni tragici e confusi purtroppo i politici erano anche dei soldati, dei guerrieri. In particolare Hadzic sarà accusato di aver fomentato e organizzato, pianificato, la pulizia etnica nei confronti delle minoranze non serbe che vivevano nella regione da lui comandata.