BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

ANGELO DELLA MORTE/ Inghilterra, un nuovo caso Caleffi: infermiera uccide i pazienti

L'infermiera accusata di aver ucciso tre pazientiL'infermiera accusata di aver ucciso tre pazienti

Senza voler accusare le donne di nulla, colpisce che di questi episodi siano protagoniste esponenti del sesso femminile.

Si può spiegare. Le donne sono da sempre le frequentatrici della vita e della morte più viscerali. Le donne danno la vita con il parto, sono gli essere accoglienti che nutrono e proteggono bambini e anziani, ma femminile è anche la figura "accabadora", la donna che in Sardegna, documentata in tanti casi letterari, uccideva le persone anziane in condizioni di malattia estrema, effettuando una vera eutanasia ante litteram. Il modo in cui eseguiva questa eutanasia, poi, soffocando la persona tra le cosce, era un evidente richiamo all'utero primordiale, al ritorno là da dove si era venuti al mondo. La donna ha meno angosce nel dare la vita ma anche la morte, pensiamo alle antiche società matriarcali del Mediterraneo dove si praticava una ferocia estrema fino al cannibalismo. Furono le società patriarcali ebrea e greca ha porre fine a questo mondo mettendolo sotto controllo.

Per sintetizzare questi casi dimostrano:

Una regressione ancestrale primordiale e una pietà razionalistica svolte nell'ospedale inteso come luogo di sterilizzazione della vita.

© Riproduzione Riservata.