BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ATTENTATO OSLO/ Micalessin: le due stragi sono opera di un solo uomo?

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

L'attentato a Oslo - Foto Ansa  L'attentato a Oslo - Foto Ansa

 

Per la difficoltà a trovare complici con la stessa volontà assassina.

 

All’interno di una tale follia, qual era lo scopo dell’attentatore?

La sua idea, se vogliamo individuare un movente, potrebbe esser stata quella di aver voluto fare fuori l’intera generazione che costituisce la futura classe dirigente. Breivik ha voluto eliminare i giovani esponenti del partito al potere che considerava colpevole del lassismo e di aver fiaccato il Paese.  Si è eretto a difensore della razza.

 

La Norvegia è attraversata da disagi o contraddizioni legate alla presenza straniera?

Come in tanti paesi del nord affascinati dall’idea del multiculturalismo, anche la Norvegia ha dato libero accesso agli immigrati.  Che su 5 milioni di abitanti hanno raggiunto le 150mila unità, molte di più se consideriamo l’immigrazione clandestina. Gli stranieri sono circa il 4 per cento della popolazione,  e in gran parte sono islamici provenienti  da aree problematiche, tra le più ideologizzate del Pianeta, come Somalia, Pakistan o Iraq. Molti di loro sono passati per i campi dello Jihad internazionale. All’interno del Paese, quindi, c’è una forte componente islamica radicale e questo è fonte di tensioni sociali. 

 

(Paolo Nessi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.