BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

STATI UNITI/ Video, Obama: è scontro con l'opposizione, l'invito ai cittadini

Il presidente degli Stati Uniti Obama si rivolge alla nazione eprché faccia pressioni sul Congresso. Se non si arriva immediatamente a un accordo sarà un disastro per l'economia

Foto AnsaFoto Ansa

E' ormai scontro aperto tra il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama e l'opposizione repubblicana. Nessun accordo, come a lungo invocato, per varare un piano di riforme economiche in grado di scongiurare il temutissimo default, previsto per il prossimo 2 agosto. Obama ha così deciso di rivolgersi direttamente al popolo americano con un discorso alla nazione il cui contenuto, riassunto in poche parole, è: ridurre il deficit. Se non si attuerà un piano di riduzione, i danni saranno incalcolabili. Per questo, vista l'impossibilità di arrivare a un accordo tra governo opposizione, chiede che il popolo americano faccia direttamente pressione sul Congresso per arrivare a una soluzione dell'impasse. Ma i repubblicani non ci stanno. Lo speaker della Camera, John Boehner risponde polemicamente: il presidente vuole solo un assegno in bianco, ma non lo avrà. A questo punto Wall Street si sta preparando al peggio: il temuto downgrade dell'economia americana, si teme, travolgerà tutti i mercati. Nel suo tentativo, Obama ha anche ricordato come Ronald Reagan firmò per ben diciotto volte l'aumento del debito e si rivolge ai repubblicani: "L'unica ragione per cui questo approccio bilanciato non è sulla strada giusta per diventare legge ora è perché un significativo numero di repubblicani al Congresso stanno insistendo su un approccio che include solo tagli alle spese. Un approccio che non chiede affatto agli americani più abbienti o alle corporazioni maggiori di contribuire". I repubblicani dal canto loro hanno proposto un piano in due parti, ma Obama si oppone alla divisione del piano.