BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ 1. Il "governo leggero" che fa volare il Belgio

Pubblicazione:

L'Atomium a Bruxelles  L'Atomium a Bruxelles

L’Istituto Bruno Leoni di Torino è un altro importante crocevia italiano di queste nuove forme di pensiero politico, le cui origini sono diverse ma i cui traguardi hanno punti di contatto molto interessanti con i modelli di riorganizzazione della vita pubblica nel segno della sussidiarietà.

In tale prospettiva - osservo per inciso - è tra l’altro in corso nell’ambito della scuola di Bloomington una sorprendente riscoperta di Carlo Cattaneo, in particolare a opera dello studioso italo-canadese Filippo Sabetti, con sottolineature inedite, compresa quella del carattere esplicitamente non anti-cristiano del suo agnosticismo, normalmente censurato dalla cultura ufficiale italiana.

Trattandosi de facto del maggior esperimento di “governo leggero” che si sia registrato (ovvero si registri) non solo in Europa ma in tutto l’Occidente sviluppato, alla luce del pensiero politico che si sta elaborando in tali sedi il caso belga assume allora valenze non solo e non primariamente negative.

 

www.robironza.wordpress.com



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
27/07/2011 - dipende dal popolo (francesco taddei)

la situazione belga non è frutto di una pianificazione, ma di cause storico-sociali ancora irrisolte. lo stato "pesante" francese è efficiente e funziona bene, così quello "leggero" della lombardia. entrambi frutto di una volontà politica. occorre fare i conti con le caratteristiche specifiche dei vari popoli, che in quest'epoca di identità deboli esistono (grazie a Dio) ancora.