BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SUD SUDAN/ La nascita dello Stato e il genocidio dei cristiani

Pubblicazione:sabato 9 luglio 2011

Foto Ansa Foto Ansa

NASCE IL SUD SUDAN - E’ nato il Sud Sudan. A mezzanotte il Paese ha ammainato la bandiera del Sudan, nel corso della cerimonia a Juba, e ha issato la propria, proclamando ufficialmente la propria indipendenza. Un successo ottenuto dopo una sanguinosa guerra tra il meridione e il settentrione del Paese. Più che una guerra vera e propria, con eserciti schierati in opposte fazioni ad armi pari, una persecuzione del Nord, a maggioranza musulmana, contro il Sud cristiano. Dal ’95 il governo di Omar al Bashir, quando i cristiani si sono ribellati all’imposizione della Sharia, la legge islamica, ha fatto scattare una carneficina senza eguali nella storia. Sono almeno due milioni i morti che ha causato la persecuzione del governo centrale, 4 milioni i profughi. I metodi messi in atto per piegare la popolazione del sud comprendevano stupri di donne e bambini, amputazione degli arti, incendi alle coltivazioni per provocare carestie, bombardamenti di chiese e villaggi, uccisioni e torture. Tra i provvedimenti più recenti di Al Bashir, il rendere costituzionale la crocifissione per gli apostati, i fedeli islamici convertiti al cristianesimo.  Lo stesso Al Bashir ha presenziato alla cerimonia seduto nella zona riservata ai dignitari e alle autorità. Assieme al dittatore, nei confronti del quale è stato spiccato un mandato di cattura internazionale per crimini di guerra e genocidi dalla Corte penale internazionale dell’Aja, c’erano il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, l'Ambasciatore Usa alle Nazioni Unite, Susan Rice, il Sottosegretario agli Esteri italiano, Alfredo Mantica. La dichiarazione di indipendenza è stata letta dal neopresidente del Parlamento, James Wanni Igga. 


  PAG. SUCC. >