BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

USA/ La Corte d'appello boccia la riforma sanitaria di Obama: è incostituzionale

Duro colpo per la riforma della sanità tanto voluta dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama: la Corte d’appello di Atlanta ha infatti stabilito che la legge è in parte incostituzionale

Barack Obama (Foto Imagoeconomica)Barack Obama (Foto Imagoeconomica)

Duro colpo per la riforma della sanità tanto voluta dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama: la Corte d’appello di Atlanta ha infatti stabilito, dopo aver accolto il ricorso di 26 stati, che la legge è in parte incostituzionale perché il Congresso avrebbe costretto gli americani ad acquistare una copertura assicurativa senza la quale si poteva incorrere in sanzioni.  Sarà ora la Corte Suprema a dover esprimere il giudizio finale, e l’amministrazione Usa, che si è detta totalmente contraria con il verdetto della corte georgiana, è pronta a difendere la riforma. Ha parlato per la Casa Bianca Stephanie Cutter, assistente del presidente, secondo cui questa è “una delle molte decisioni che vedremo nelle prossime settimane”, ma è convinta “che non terrà” e che alla fine “la legge verrà giudicata come costituzionale”. Intanto, nonostante il declassamento del rating e la crisi dei  mercati, la famiglia Obama se ne andrà comunque in vacanza, come ogni anno all’isola di Martha’s Vineyard, e non sono mancate naturalmente le polemiche. Secondo gli avversari del presidente i costi di questi dieci giorni di ritiro andrebbero contro i difficili tempi in cui il Paese versa. Da lunedì prossimo Obama incontrerà le piccole imprese e famiglie di diversi stati per affrontare il tema del sostegno alla middle class, e dal 18 agosto sarà in vacanza: “Non credo che gli americani se la prenderanno se il presidente Obama trascorrerà un po' di tempo con la sua famiglia.