BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STATI UNITI/ Taglia la testa al figlio disabile di 7 anni

Pubblicazione:

L'uomo che ha tagliato la testa al figlio di 7 anni  L'uomo che ha tagliato la testa al figlio di 7 anni

Ha tagliato la testa al figlioletto di 7 anni, lasciandola poi sul marciapiede vicino a casa così che la madre la potesse vedere. L'orribile episodio è successo in Louisiana, nella cittadina di Thibodeaux. Autore un tale Jeremiah Lee Wright, di 30 anni. La scena che si è presentata davanti agli occhi dei poliziotti giunti sul posto era talmente scioccante che alcuni di loro sono scoppiati a piangere. Dietro il gesto, la follia di un padre che ha dichiarato che si era stancato di prendersi cura del figlio, gravemente handicappato. Il piccolo Jori Lirette era infatti affetto da problemi cerebrali e anche cardiaci. Viveva confinato su una sedia a rotelle e per nutrirsi aveva bisogno di un tubo alimentare apposito. Una condizione estremamente difficile, che però non spiega il gesto esagerato e soprattutto il modo in cui il corpo del piccolo è stato fatto a pezzi. Il padre, probabilmente affetto da problemi mentali (non è chiaro se precedenti alla nascita del figlio o causati dagli anni di convivenza con il piccolo disabile) ha infatti spiegato, quando gli è stato chiesto perché avesse lasciato il capo del bimbo in mezzo alla strada, che voleva semplicemente che la moglie rimanesse scioccata quando avesse visto la testa. Una spiegazione ovviamente illogica. L'uomo poi non si è limitato a mozzare il capo del bimbo, ma gli ha tagliato anche una mano e un piede, chiudendo poi i vari resti del corpo in sacchetti di plastica.  Jeremiah Wright è stato arrestato e la cauzione richiesta è di ben 5 milioni di dollari, una cifra scelta appositamente per evitare che l'uomo, che sembra non sia nemmeno in grado di permettersi un avvocato, possa lasciare la prigione. Sebbene in passato l'uomo fosse stato arrestato diverse volte per banali motivi, non si era mai reso protagonista di atti di violenza, tantomeno così efferati. Si sospetta che dietro la decisione di uccidere il piccolo però ci siano altri motivi. La moglie, Jesslyn Lirette di 27 anni, ha infatti dichiarato che i due litigavano spesso negli ultimi tempi, e che stava pensando di andarsene via con il figlio.


  PAG. SUCC. >