BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

AFGHANISTAN/ Micalessin: donne, anziani e bambini kamikaze. La nuova sfida dei talebani alla Nato

I talebani, di recente, hanno iniziato ad arruolare nella guerra del terrore anche anziani, donne e bambini da usare come kamikaze. L'analisi di GIAN MICALESSIN

Foto AnsaFoto Ansa

Ennesimo attentato kamikazein Afghanistan, attorno alle 7 di ieri mattina, di fronte all’ingresso di una base militare Usa. L’esplosione è  avvenuta a Paktia, provincia sud-orientale del Paese. A farsi esplodere, è stato un anziano uomodi 70 anni, alla guida di un camion bomba. Al suo interno, sotto un carico di legna, era nascosto un ordigno. I militarisi sarebbero accorti per tempo del pericolo imminente e avrebbero sparato, uccidendo l’uomo che, in ogni caso, è  riuscito a far saltare in ariail mezzo.
L’attacco è stato rivendicato dai talebani, che hanno millantato la riuscita del piano e di aver provocato decine di vittime. Secondo Rohullah Samoon, portavoce del governo, invece, non ce ne sarebbero state. Un attacco come tanti, come tutti quelli che, da troppo tempo, continuano a insanguinare la regione. Ma c’è una decisiva differenza: in questo caso, infatti, il martire“arruolato” per lo Jiahdnon è un baldo giovane in forze  e in età da armi, ma un anziano signore. Una persona che, per qualunque cultura rientrerebbe tra quelle categorie che in guerra(ma, in generale, sempre) vanno protette, come le donne e i bambini. Eppure, ormai da tempo, vecchidonnebambini– ma anche disabili -, sono “arruolati” nella guerra del terrore dai talebani.
«Sostanzialmente è una nuova strategia che ha preso piede quest’anno», spiega a ilSussidiario.net Gian Micalessin, che in questo momento si trova proprio in Afghanistan. «Tra i talebaniè invalso l’uso di arruolare, ad esempio, i bambini per poi farli esplodere nei centri abitati. “Arruolati”, in realtà, non è un termine corretto. Il più delle volte vengono rapiti e venduti - spesso in Pakistan - per essere successivamente condotti in Afghanistan e diventare strumenti del terrorismo suicida». Il motivo è semplice: «passano facilmente i posti di blocco e possono venire impiegati per superare le misure di sicurezza. Lo stesso accade per i vecchi, per le donne o i mutilati; si tratta di persone che, almeno in questa fase, sono considerati insospettabili e possono essere infiltrati, ad esempio, in manifestazioni pubbliche per colpire esponenti del governo».