BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LIBIA/ Jean: La caduta di Gheddafi sarà l'inizio di una guerra infinita

Foto Ansa Foto Ansa

Il quale per Jean «di nazionale ha ben poco, dato che si tratta per la maggior parte di persone provenienti dalla Cirenaica». E, a proposito del Consiglio, Jean è incerto sulla possibilità di un equilibrio futuro ottenibile facilmente e a breve termine: «I ribelli, a mio avviso, sono molto divisi. Lo dimostra, ad esempio, il fatto che Jalil, il presidente del Cnt, abbia fatto dimissionare tutti i ministri tranne Mahmoud Jabril, la persona maggiormente “presentabile” all’esterno. Tra le tribù, inoltre, la competizione rimane alta; i maggiori risultati sul campo li hanno ottenuti gli insorti berberi, che sono quelli che hanno isolato Tripoli a Sud e a Ovest, bloccando i collegamenti con la Tunisia e l’Algeria. Difficile credere che non rivendicheranno, in futuro, maggiori spazi e potere». 

Le forze della coalizione internazionale della Nato, nel frattempo, «continuano a bombardare in tutta la Libia, laddove vi siano assembramenti di truppe, come a Brega, per esempio. E, sicuramente, hanno sul terreno delle forze speciali che dirigono gli aerei. Dovendo, infatti, i caccia intervenire nei centri abitati, occorre una guida da terra con indicatori laser, infrarossi o satellitari perché sappiano dove colpire».

La Nato, oltre ad essere ancora un attore fondamentale sul piano militare, lo è anche dal punto di vista logistico e strategico. «Ieri il numero due del Dipartimento di Stato Americano era a Bengasi; con ogni probabilità avrà convinto i membri del Consiglio ad impegnarsi per evitare vendette e ritorsioni, sapendo bene che queste prolungherebbero all’infinito il conflitto». L’Italia, dal canto suo, «sta continuando a partecipare allo sforzo bellico. Nel frattempo, Jalud (ex numero due del regime, passato con gli insorti ndr) è stato a Roma; il fatto che avesse rapporti molto stretti con diversi esponenti del mondo della politica e con i nostri servizi di sicurezza, fa sperare che i nostri interessi in Libia saranno tutelati». 

 

© Riproduzione Riservata.