BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IRENE/ Louis (New York): la vera "tempesta" è che crediamo di dominare tutto

Pubblicazione:

L'arrivo dell'uragano Irene (Foto Ansa)  L'arrivo dell'uragano Irene (Foto Ansa)

Certo, ci sono molti alberi giù, la corrente è saltata in molte aree e c’erano inondazioni dappertutto. Ma non era la tempesta da fine del mondo che ci hanno dipinto. Manhattan non era annegata. Le spiagge non sono scomparse. C’erano, ovviamente, tanti problemi. Ho appena saputo dal mio amico John che egli è dovuto evacuare a causa di gravi inondazioni. I miei genitori sono da mio fratello, perché la corrente là dove abitano è saltata. Ma il cataclisma non c’è stato.

Mio fratello ha osservato che hanno ingigantito questa cosa dell’uragano perché nessuno crede più in Dio. È venuto a mancare il senso delle proporzioni o la coscienza del fatto che la natura non ha l’ultima parola. Cerchiamo di estendere il più possibile il nostro controllo, di fronte a un uragano che è incontrollabile. Inoltre,  non si vuol correre il rischio di fare troppo poco, e si desidera mantenere più persone possibili fuori pericolo. Ma a volte ciò che vien fatto sembrare la fine del mondo finisce per essere solo un sacco di pioggia. E un sacco di vento.

 

(Louis Giovino) 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.