BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BURQA FUORILEGGE/ Sbai: c'è ancora chi confonde libertà e oppressione

Pubblicazione:

La battaglia contro il burqa (Foto Imagoeconomica)  La battaglia contro il burqa (Foto Imagoeconomica)


Ma del resto non c’è da stupirsi, se è vero come è vero, che a Parigi in piazza abbiamo visto protestare contro la legge solo convertite e non donne arabe musulmane; è una battaglia che spesso mette in campo azioni non sincere, ambigue e derivanti da radici controverse. Ma del resto, mi chiedo, quale donna potrebbe consapevolmente e in sincerità d’animo protestare in piazza perché vuole essere segregata nel corpo e nell’anima? Quale donna potrebbe volere il proprio annullamento personale e umano? Credo nessuna. E allora che lo si dica apertamente: il burqa, il niqab e tutti i mezzi per coprire il volto di una donna sono un’aberrazione. Sono un delitto contro la sua sacrosanta dignità di donna e di persona. La via che abbiamo intrapreso non la fermeremo certo davanti a quelle che saranno le proteste di chi, mascheratosi da buonista del giorno dopo, tenterà ad ogni costo di schiacciare la nostra voglia di libertà e quella di migliaia di donne in tutto il mondo, che attendono da sempre questo momento. L’ora in cui il loro volto, ormai libero dalla rete, potrà guardare con fiducia al domani come a un giorno in più per studiare, per lavorare e per vivere.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.