BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ Se anche i Maori si mettono a parlare di sussidiarietà

Foto: Imagoeconomica Foto: Imagoeconomica

Spinta dall’urgenza di ridurre una spesa pubblica ormai divenuta troppo onerosa, dall’inizio del corrente secolo la Nuova Zelanda è impegnata in un processo di riforme che appunto fanno esplicito riferimento al principio di sussidiarietà. Di qui tra l’altro l’interesse di alcuni studiosi neozelandesi per l’esperienza in proposito della Regione Lombardia, malgrado la distanza e il contesto diversissimo dal nostro: i neozelandesi, meno di 4 milioni e mezzo, vivono gli antipodi dell’Europa su un arcipelago che sorge circa 2 mila chilometri a est dell’Australia, e la cui superficie è più o meno equivalente a quella della penisola italiana, mentre i lombardi sono circa 10 milioni e abitano un territorio di soli 23 mila chilometri quadri, parte di un Paese di circa 57 milioni di abitanti membro di un’Unione Europea che ne ha circa 500 milioni.

Il primo documento ufficiale neozelandese in cui si parla del principio di sussidiarietà risale al 1989: si tratta del rapporto conclusivo di una Royal Commission on Social Policy che era stata incaricata di avanzare proposte in tema di riforme della politica di sicurezza sociale. E’ però nel 2002 che la sussidiarietà sale definitivamente alla ribalta della politica neozelandese a seguito della pubblicazione del documento dal titolo Subsidiarity: Implications for New Zealand pubblicato dall’autorevole New Zealand Treasury (che, malgrado il nome, non è il ministero del Tesoro bensì il principale “think tank” del governo neozelandese).

Nella loro ricerca di casi di sussidiarietà applicata con successo alcuni studiosi neozelandesi hanno tra l’altro “scoperto” - dicevamo - l’esperienza in proposito della Lombardia: Al riguardo The New Zealand Constitution - Lessons from Lombardy e A view from the Antipodes: Comparing the Lombard and New Zealand Ways of Governance, due saggi di Philip MacDermott, un professore della Auckland University of Technology, sono ad esempio assai significativi.

© Riproduzione Riservata.