BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

TERREMOTO GRECIA/ Peloponneso, sisma di 5 gradi, 14 settembre 2011

Una scossa di terremoto pari a 5 gradi della scala Richter è stata avvertita stamane ale ore 6 e 35 locali nella regione del Peloponneso. Al momento non si conosce se ci siano danni

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

Una scossa pari a 5 gradi di magnitudo della scala Richter è stata avvertita all'alba di oggi, 14 settembre, nella regione del Peloponneso, in Grecia. Il sisma, piuttosto forte dato che ha superato la soglia dei 4 gradi dopo i quali tendenzialmente si registrano crolli di edifici, è stata registrata intorno alle ore 6 e 35 locali, le 5 e 35 in Italia. L'epicentro è stato rilevato a 22 chilometri a nord della città di Kalamata e a 176 chilometri a ovest della capitale Atene. Si è in attesa di ottenere informazioni direttamente dal Paese ellenico per sapere se ci siano stati danni a edifici o persone, al momento infatti non è ancora stato rilasciato alcun comitato dalle autorità greche e dalla locale protezioen civile. Ovviamente la scossa è stata sentita dalla popolazione locale che si è trovata a fare i conti con un'alba di paura. Come precisato, l'epicentro è stato individuato a 22 chilometri a nord di Kalamata e 176 a ovest di Atene. Secondo più precise notizie la scossa di terremto è stata registrata a una profondità di un chilometro con epicentor a sei chilometri dalla laocalità di Arfarà, nel comune di Kalamata. Zona ad elevato rischio sismico, una di quelle considerate a più alto rischio dell'intero mediterraneo, lo scorso primo aprile una scossa pari a 6 gradi di magnitudo della scala Richter era stata avvertita al largo dell'isola di Creta, con epicentro a circa sessanta chilometri dalla costa. La scossa era stata avvertita anche in Italia in alcune città di Puglia, Basilicata e Sicilia. Addirittura era stata avvertita anche in Egitto e Israele. Lo scorso 7 agosto poi al largo di Lepanto era stata registrtata una scossa di 4,7 gradi. Quella di stanotte è stata comunque una notte di allarme sismico generalizzato, anche in Italia, con una scossa di magnitudo 3.1 avvertita in provincia di Treviso alle ore 20 e 35, (epicentro rilevato tra i comuni di Moriago della Battaglia, Vidor e Farra di Soligo a soli tre e due chilometri di profondità) mentre un'altra scossa, questa volta di magnitudo 2.3 era stata registrata nel parmense, dove da più di una settimana è in atto uno sciame sismico. In entrambi i casi fortunatamente non sono stati registrati danni a edifici o persone.

© Riproduzione Riservata.