BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

CINA/ Protesta in Tibet: due monaci si danno fuoco

Monaci tibetaniMonaci tibetani

Il governo cinese vorrebbe invece arrogare a sé il diritto di nomina di queste due importanti cariche religiose, per poter avere una presa diretta sul popolo che governa. Per questo motivo l’establishment pechinese fece  rapire nel 95 Gedhun Choekyi Nyima, il bambino di cinque anni riconosciuto dal Dalai Lama come XI  Panchen Lama e ne nominò un altro non riconosciuto.
Quello a cui si assiste oggi è uno scontro inusuale per il mondo occidentale, non è propriamente una “guerra di potere”, a cui tanto siamo abituati, ma è piuttosto una “battaglia ideale”, una battaglia che deve decidere se v’è qualcosa nel cuore dell’uomo a cui il potere temporale non sia in grado di rispondere.

© Riproduzione Riservata.