BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LIBIA/ Biloslavo: ecco perché non possiamo credere alle "promesse" dei ribelli

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

Che avrebbe avuto contatti diretti in passato con Osama bin Laden: "Assolutamente. Quando andai in Afghanistan nel 2001 trovai volantini e pamphlet della sua organizzazione nei campi di addestramento di Al Qaeda. Però è vero che già nel 2000 Belhaji rifiutò di combattere insieme a bin Laden, dicendosi contrario ad attacchi a cristiani ed ebrei". Dunque che personaggio è? "Ha una storia molto particolare. Tentò per ben tre volte di uccidere Gheddafi, poi fu catturato in Malesia dalla Cia e consegnato allo stesso Gheddafi che lo rinchiuse per anni in un vero e proprio buco, in carcere. In modo curioso, cosa che forse non molti sanno, circa sei mesi fa all'inizio delle rivolte, venne liberato da uno dei figli, che io chiamo il figlio intelligente, di Gheddafi,  Saif Al Islam".

Come mai lo liberò? "Perché in quel particolare momento riteneva così di ottenere l'appoggio del Gruppo islamico combattente, che di fatto comunque non esisteva già più. In ogni caso si rivelò una mossa controproducente perché è stato proprio Belhaji a guidare l'attacco finale e decisivo su Tripoli. D'altro canto i suoi combattenti erano di gran lunga la forza ribelle più addestrata e preparata militarmente. Bisogna dire che ebbe anche un forte appoggio militare da parte della Cia, gli stessi che anni fa lo avevano catturato e consegnato a Gheddafi". La presenza di personaggi come questo all'interno del Cnt non getta un'ombra inquietante sul futuro della Libia? "Anche qui bisogna stare a vedere. I casi sono due: o gli americani, come spesso hanno fatto, hanno puntato sul cavallo sbagliato, oppure anche personaggi come questo si stanno rendendo conto che siamo nel 2011, a dieci anni dal 2001 e che le cose sono cambiate, non è più il tempo per certi gruppi clandestini combattenti come lo era il suo".



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.