BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ANNIVERSARIO 11 SETTEMBRE/ Le registrazioni audio delle torri di controllo e dei passeggeri

Pubblicazione:giovedì 8 settembre 2011 - Ultimo aggiornamento:giovedì 8 settembre 2011, 18.13

Foto Ansa Foto Ansa

Alcune erano già state rese note. Adesso il New York Times, in occasione del decimo anniversario  degli attentati alle Torri Gemelle e al Pentagono, ha reso pubbliche mettendole online sul proprio sito una selezione delle registrazioni molte delle quali inedite tra le torri di controllo e piloti e passeggeri dei voli che furono dirottati. Le registrazioni appartengono al Aviation Administration (F.A.A.), al North American Aerospace Defense Command (Norad) e all'American Airlines, la compagnia aerea proprietaria dei quattro voli che si schiantarono su Manhattan, Washington e in un campo della Pennsylvania grazie all'intervento coraggioso dei passeggeri che evitarono un altro attacco suicida. Erano le nove di mattina, ora di New York, quando un jet civile che era sparito improvvisamente dai tracciati radar, ricomparve pochi secondi prima di schiantarsi su una delle Torri, sedici minuti dopo che un precedente volo si era schiantato sull'altro grattacielo. Ecco allora le voci di una trasmissione radio che si inserisce nel controllo aereo chiedendo se anche loro stanno vedendo un aeroplano che sta scendendo fulmineo verso le Torri. "Sì, riusciamo a vederlo" dice il controllore di volo. "E che diavolo di aereo è?" chiede l'uomo. "Non lo sappiamo, un minuto che ci informiamo". Prima che quel minuto fisica, è già troppo tardi: il Boeing si è schiantato sullaa Torre. Ancora più impressionati sono però le voci dei passeggeri sull'aeroplano che si schianterà a terra nei campi. Una donna dice che c'è un dirottamento in corso, e chiede aiuto. Il controllore di volo le chiede il nome e in quale posto sia seduto. Poi si sentono rumori e voci concitate: i passeggeri si sono gettati contro i dirottatori. Ci sono poi registrazioni tra autorità militari e controllori di volo. Per molto tempo si è creduto che il presidente Bush avesse dato ordine all'aeronautica militare di colpire ogni volo sospetto dopo i primi attacchi. In realtà, come si deduce da queste registrazioni, non ci fu nemmeno il tempo di impartire tale ordine, perché come si sente dalle registrazioni i militari chiedono l'autorizzazione, ma nel giro di pochi minuti ogni velivolo si è già schiantato. Parte di queste registrazioni erano state usate nel corso dell'inchiesta e delle indagini relative agli attacchi dell'11 settembre, poi archiviate e praticamente dimenticate.



  PAG. SUCC. >