BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PRIMARIE USA/ Santorum e la strategia di Obama per dividere i cattolici

Pubblicazione:

Rick Santorum (Infophoto)  Rick Santorum (Infophoto)

E’ il cattolico Rick Santorum, conservatore e molto vicino alla Dottrina sociale della Chiesa sui temi etici, il vero vincitore delle primarie repubblicane in Iowa. Alberto Simoni, vice caporedattore degli Esteri a La Stampa e curatore dello Speciale Elezioni Usa del quotidiano torinese, sintetizza così il quadro che emerge dopo la nuova tornata delle Primarie del GOP (il Partito Repubblicano). Come spiega in un’intervista a IlSussidiario.net, sono tre le anime del partito, ciascuna di esse irriducibile alle altre: quella moderata del milionario mormone Mitt Romney, quella conservatrice di Santorum e quella libertaria del texano Ron Paul. Separati da soli otto voti Romney e Santorum, rispettivamente al 25,6% e 25,5%, mentre Ron Paul totalizza il 22% delle preferenze. Per Simoni, se Santorum promette di essere la stella dei cattolici in campo bioetico, la vera sfida con Obama si giocherà sulle questioni economiche e sociali come la lotta alla povertà. Intanto gli occhi di tutti sono già puntati sul New Hampshire, dove si voterà il 10 gennaio prossimo.

 

Simoni, che cosa emerge dalle primarie repubblicane in Iowa?

 

Il vero vincitore è Rick Santorum. Ha perso per otto voti, ottenendo il 25,5% delle preferenze contro il 25,6% di Mitt Romney. Romney ha preso più o meno gli stessi consensi di quattro anni fa, e questo è il suo più grande punto interrogativo. Significa che quattro anni non gli sono bastati a risolvere i suoi problemi: non è riuscito a conquistare i conservatori e ad aumentare i voti, e si ritrova con la stampa e la base del Partito che lo osteggiano. E quindi non ha nemmeno le doti dell’unificatore. Quest’anno la sua fortuna è che non c’è un John McCain in grado di insidiarlo già dal prossimo appuntamento elettorale in New Hampshire. Quindi Romney resta ancora il favorito, ma chiaramente la sua stella si è appannata. Santorum invece in Iowa ha condotto una campagna tradizionale battendo palmo a palmo tutte le 99 contee e avendo a disposizione pochissimi soldi, pochissimi mezzi e riuscendo a creare una organizzazione snella ma efficientissima e a mobilitare la base sui temi cari ai conservatori. Tra questi la difesa della vita, i valori tradizionali, il ruolo della religione, uno Stato poco invasivo, un’economia di libero mercato e la sfida al “tentacolo” del governo federale.

Più in generale, qual è lo schieramento repubblicano che emerge da queste elezioni?



  PAG. SUCC. >