BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

HAITI/ A due anni dal terremoto il "piano Marshall" migliore è quello di Giovanni Paolo II

I volontari di Avsi si prendono cura degli abitanti di Haiti I volontari di Avsi si prendono cura degli abitanti di Haiti

Il lavoro è altrettanto essenziale, per questo occorre che gli investimenti partano dalle risorse presenti e non si tenti di fare del Paese una isola di manodopera.

Una visone che parte dalle forze vive della società, dalle persone. Non da programmi a immagine e somiglianza della società dei consumi. Occorre la pazienza di far crescere soggettività consapevoli della propria identità e del proprio compito nel mondo, capaci, per questo, di trasformarlo e renderlo più umano.

Il lavoro del Presidente Martelly e del governo di Haiti è quindi particolarmente delicato e può essere un esempio per tutti: dare unità alle forze vive del Paese e al sostegno della solidarietà internazionale, verso l’obiettivo di una vita degna della persona umana.

© Riproduzione Riservata.