BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

EGITTO/ Abdel Fattah (Fratelli Musulmani): difenderemo i cristiani con la nostra vita

Infophoto Infophoto

La costituzione imminente assicurerà diritti senza distinzione; sarà possibile a chiunque, quindi, accedere ad esempio all’insegnamento, alle cure mediche, manifestare liberamente la propria opinione. Saranno, inoltre, garantite le libertà di stampa ed espressione.  

In questa fase transitoria si sono moltiplicati gli attacchi ai cristiani. Molti stanno fuggendo dal Paese. Come fermerete l’emorragia?

Devo correggerla. Non c’è alcuna fuga di cristiani dall’Egitto. I nostri compaesani cristiani sono rimasti nel Paese, e hanno votato il nostro partito.  

Resta il problema degli attacchi. Quali misure assumerete in tal senso?

Siamo pronti a difendere le loro anime e le loro chiese con il nostro sangue. Inoltre, quando si verificano scontri o problemi a livello tribale, in qualunque parte del Paese, noi siamo soliti portare il nostro contributo per operare una riconciliazione tra le parti. In ogni caso, va sottolineato che l’ex regime totalitario che ha colpito la chiesa di Alessandria non esiste più, è storia passata.

Come giudicate gli attacchi contro i cristiani che, nei giorni scorsi, hanno insanguinato la Nigeria?

Abbiamo sempre definito i Boko Haram (la setta estremista protagonista dei massacri, ndr) delinquenti e terroristi. L’anima umana è sacra, e chiunque sparge il sangue degli innocenti, non appartiene all’islam.  

Quale sarà il rapporto tra la Sharia e la vostra nuova carta fondamentale?

La Costituzione dovrà ricevere l’approvazione dei cittadini egiziani, attraverso il voto. Se non rispetterà la loro volontà e non proteggerà i loro diritti, non sarà mai accettata. Per forza di cose, quindi, la nuova Costituzione, che avrà come base la Sharia islamica – la quale, di per sé, rispetta i diritti di tutti gli esseri umani – non potrà essere in contrasto con la volontà popolare.

Tenterete una riconciliazione con gli esponenti del vecchio regime?