BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ 2. La morte di padre Nassar segna il destino dei cristiani?

Pubblicazione:giovedì 26 gennaio 2012

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

La propaganda c’è dall’una e dall’altra parte. Fatto sta che numerosi cristiani militano nell’opposizione, e i ribelli sono in contatto con alcuni cristiani in Occidente. In generale però le gerarchie della Chiesa in Siria sono sempre state molto prudenti e vicine al regime di Assad. Basti pensare alle dichiarazioni di un anno fa del patriarca Gregorio III Laham, secondo cui bisognava dare fiducia ad Assad. Ultimamente i vescovi invitano a un dialogo sociale, però di fatto hanno sempre difeso il presidente e hanno avuto nei suoi confronti uno sguardo benevolo. Assad a sua volta ha sempre difeso la libertà di culto dei cristiani e protetto le Chiese siriane.

 

Alcuni mesi fa, in un’intervista a Ilsussidiario.net, Camille Eid aveva invitato i cristiani a mollare Assad. Dopo quanto è successo, ritiene che sia ancora un invito valido?

 

Quella dei cristiani siriani è una situazione che sta peggiorando di ora in ora. Assad è destinato a cadere, perché ormai è circondato da tanti nemici, dai Paesi arabi e soprattutto dalla Turchia. Non credo che potrà ancora resistere a lungo, ma più resiste e più questi scontri aggravano la guerra civile che è già in corso. E quindi per i cristiani sarà sempre peggio sia sul piano della sicurezza personale, cosa che del resto vale per tutti gli altri cittadini siriani, siano perché diventano un possibile obiettivo. Gli elementi più integralisti e fanatici cercheranno di farli fuori, ma nella misura in cui i cristiani si schiereranno nell’opposizione anche il regime cercherà di eliminarli. E più Assad si sentirà messo in pericolo e abbandonato dalle stesse minoranze, più diventerà violento. L’analisi di Camille Eid resta quindi ancora valida, quello che è sotto i nostri occhi è il peggioramento della situazione in atto di giorno in giorno. La notizia dell’uccisione di padre Nassar non fa altro che confermarlo.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.