BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISI IRAN/ Herzog (Haaretz): ecco quanto vale la minaccia nucleare

Pubblicazione:martedì 3 gennaio 2012 - Ultimo aggiornamento:martedì 3 gennaio 2012, 9.21

Un test missilistico iraniano (Foto: Infophoto) Un test missilistico iraniano (Foto: Infophoto)

In questo momento siamo di fronte a una pausa nelle attività diplomatiche perché Onu, Usa, Ue e Russia, il cosiddetto Quartetto Internazionale, hanno chiesto a entrambe le parti di impegnarsi fino alla fine di gennaio per preparare i prossimi incontri bilaterali. Nel frattempo però l’Autorità palestinese sta pensando di ripresentarsi di fronte all’Onu e agli altri organismi internazionali per continuare la sua battaglia. Se lo farà, le relazioni tra israeliani e palestinesi peggioreranno ulteriormente, senza riuscire a ottenere il riconoscimento dello Stato palestinese, che può venire soltanto attraverso i negoziati. Oggi in Giordania si terrà il primo incontro tra le due parti, sponsorizzato dal re giordano, e spero che ci porterà delle buone notizie.

Che cosa ne pensa delle recenti proteste degli ebrei ultra-ortodossi?

Si tratta di persone che ritengono che la sola autorità non sia lo Stato bensì Dio. Ciò crea una serie di tensioni tra loro, le autorità pubbliche e la popolazione laica in Israele. Queste persone sostengono per esempio la totale separazione tra uomini e donne, a partire dagli autobus dove vogliono costringere le donne a restare nei sedili posteriori. Ma gli ultra-ortodossi fanno parte del dibattito culturale nella democrazia israeliana, che probabilmente continuerà. La nostra è una società estremamente vibrante, al cui interno ci sono sia il laicismo esasperato sia l’estremismo religioso, ed entrambi finiscono per creare delle tensioni sociali.

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.