BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ 1. Forte: vi spiego tutte le illusioni di Monti sull’Europa

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Angela Merkel e Nicolas Sarkozy (Foto: Infophoto)  Angela Merkel e Nicolas Sarkozy (Foto: Infophoto)

Non è così, e gli unici a non averlo capito in Italia sembrano essere i giornalisti del Corriere della Sera. Non esiste una magia per cui, siccome Monti è un professore della Bocconi e non racconta le barzellette come Berlusconi, allora è per forza in grado di risolvere il problema del nostro debito pubblico. Monti può stare più simpatico di Berlusconi, ma i dati di fatto della nostra economia sono altri. L’Italia dovrà cercare di ottenere una maggiore credibilità al di fuori dell’Eurozona. Il vero compito di Monti dovrebbe essere quindi quello di convincere Gran Bretagna, Giappone e Stati Uniti del fatto che la manovra è in grado di risolvere i problemi della finanza pubblica italiana. Purtroppo il governo Monti ha un grosso handicap, determinato proprio da coloro che più di tutti lo hanno voluto.

Di quale handicap si tratta?

L’attuale esecutivo è nato da una crisi politico-finanziaria in gran parte creata esagerando la nostra situazione, cioè facendo credere che le difficoltà dell’Italia erano enormi, mentre in realtà non era così. Peccato però che i provvedimenti del governo Monti valgono in totale soltanto 15 miliardi netti di euro, con un aggiustamento pari all’1% del Pil. Non ci voleva un professore della Bocconi per realizzare una manovra “da idraulico”. Dopo avere dichiarato per settimane che la situazione italiana era tragica, e avere chiamato “salva Italia” un decreto di portata così limitata, non è facile in tutto il mondo e convincere gli inglesi e gli americani, ma anche i cinesi, i giapponesi e gli indiani, che adesso il nostro Paese sta bene mentre prima stava male.

Come è possibile cambiare questa situazione?

Certo non aumentando le tasse, bensì attraverso la crescita e le liberalizzazioni. Se la coalizione politica fosse omogenea, sarebbe possibile realizzare le riforme strutturali necessarie. Mentre abbiamo un governo che si regge su tutti i volonterosi, che dal punto di vista delle idee sui contratti di lavoro, sulla libertà di mercato e sulla gestione delle imprese pubbliche hanno delle distanze estremamente rilevanti.

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
09/01/2012 - prediche inutili quelle del prof forte ? (antonio petrina)

Egr Prof Forte, lei ,da einaudiano di razza , fa le sue prediche sul debito publico, ma crede davvero che i compiti per casa fatti dal presidente Monti siano inutili , deprimenti ( questo forse sì! ) e dannosi per raggiungere l'obiettivo del pareggio nel 2013 o che invece gli esami e lo spread si superano insieme con l'europa e con tutta l'europa dei 27 paesi e non appena con il direttorio franco- tedesco ?