BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

SIRIA/ Cannizzaro: le sanzioni (inutili) dell'Ue ricreano la guerra fredda Usa-Urss

In Siria (InfoPhoto)In Siria (InfoPhoto)

La situazione siriana è in uno stato di stallo. In assenza di consenso fra i membri permanenti delle Nazioni Unite,  i contendenti giocano una partita puramente militare. Ciascuno di essi ha l'appoggio, diretto o indiretto, di parti della comunità internazionale. Siamo, in sostanza, ad una situazione analoga a quella esistente ai tempi del bipolarismo Usa-Urss: abbiamo un conflitto locale che diventa una questione strategica della massima importanza per la supremazia nell'area. Per sbloccare lo stallo, e assicurarsi il consenso di Russia e Cina, i Paesi occidentali dovrebbero dare assicurazioni circa il carattere genuinamente umanitario di un eventuale intervento, da operare quindi in un quadro davvero multilaterale e non già fintamente multilaterale come è successo spesso negli ultimi anni. 

Nei giorni scorsi si sono moltiplicate le voci secondo cui Russia e Turchia starebbero arrivando ai ferri corti sulla questione siriana. Cosa potrebbe giustificare una reazione da parte della Russia?

Un intervento diretto della Russia mi pare molto improbabile. Le azioni turche sono simbolicamente importanti perché alzano l'asticella del confronto. Esse però non sono certo risolutive. Vorrei sottolineare che l'intervento nei confronti di un aereo armeno, oltre che di dubbia liceità sul piano giuridico, ci dice molto sugli schieramenti nel conflitto siriano. Al di là della sua relativa importanza militare, l'Armenia è uno Stato cristiano in un'area a dominanza musulmana. Inoltre c'è una forte minoranza armena nei Paesi del Medio oriente e anche in Siria. La posizione armena sembra indicare che i cristiani del Medio oriente sono alleati del regime laico siriano, nel timore, verosimilmente, di una deriva fondamentalista. 

Che importanza ha in questo scenario il diritto internazionale?

Il diritto internazionale ha una grande parte nel conflitto siriano. Esso ci aiuta a capire perché Russia e Cina sono contrarie ad un coinvolgimento delle Nazioni Unite, che sarebbe inevitabilmente a guida occidentale. Esso ci aiuta anche a capire perché senza un loro coinvolgimento gli Stati occidentali sono in un vicolo cieco. Certo, il diritto internazionale non ci dice quale delle parti potrà uscire vittoriosa dal conflitto… 

 

(Claudio Perlini)

© Riproduzione Riservata.