BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

INCIDENTI ATENE/ Un morto tra i manifestanti, black bloc in azione (video)

C'è un morto tra i manifestanti scesi in piazza oggi ad Atebne per protestare contro le misure economiche del governo. Scontri con centiania di black bloc

Foto InfophotoFoto Infophoto

Un manifestante è rimasto ucciso nel corso degli scontri che si stanno verificando in queste ore ad Atene, motivo della protesta naturalmente la crisi economica che devasta il paese e le misure drastiche intraprese dal governo in carica. Secondo le informazioni che giungono dalla Grecia circa 25mila persone si trovano per le strade della capitale mentre circa 4mila poliziotti sono presenti per cercare di mantenere l'ordine. Ordine che è ben presto svanito quando in piazza sono apparsi centinaia di black bloc: gli scontri più duri si sono tenuti davanti al parlamento con lanci di sassi e bottiglie molotov. Incidenti anche nella piazza dove ha sede il governo greco: qui si sono scatenati i black bloc che la polizia ha cercato di respingere sparando lacrimogeni. Un manifestante è rimasto ucciso mentre ci sarebbero anche quattro feriti di cui uno verserebbe in gravi condizioni. La persona che è rimasta uccisa è un uomo di 66 anni, dunque evidentemente non un estremista dei black bloc, ma al momento non sono ancora chiare le dinamiche che hanno portato alla sua morte. Secondo le prime notizie che arrivano sarebbe morto per infarto, probabilmente dovuto alla tensione e alla confusione dei momenti che si stanno vivendo. La protesta di oggi, la seconda in tre settimane e la quarta dall'inizio dell'anno, è stata indetta mentre i leader europei si riuniscono a Bruxelles. In particolare è attesa la decisione della troika su un nuovo prestito di 130 miliardi di euro, a cui deve corrispondere un taglio di circa 11 miliardi di euro da parte della Grecia su salari e pensioni. La manifestazione di oggi prevede uno sciopero di 24 ore degli addetti ai servizi pubblici: ferme le linee ferroviarie, chiusi i collegamenti con aeroporti e traghetti. Ha aderito anche il sindacato Gsee del settore privato, uno die due maggiori e che rappresenta circa due milioni di persone, in pratica la metà dell'intera forza lavorativa greca. Le proteste per le strade della capitale proseguono mentre le forze dell'ordine cercano di ristabilire la calma.