BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AFGHANISTAN/ Feriti quattro soldati italiani nella provincia di Farah

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

Attacco alle forze armate italiane: quatto soldati italiani sono rimasti feriti fortunatamente in modo non grave nella provincia di Farah in Afghanistan. E' successo durante una operazione congiunta con l'esercito afgano mentre veniva controllato un villaggio, quello di Siav nel distretto di Bakwa a sud di Herat. C'è stato uno scontro a fuoco con alcuni ribelli e un soldato afgano è rimasto ucciso, mentre quattro soldati italiani sono rimasti feriti. Non sono in pericolo di vita ma uno di essi ha riportato ferite più gravi. I nostri uomini e quelli dell'esercito afgano stavano perlustrando il villaggio di Siav a circa 20 chilometri a ovest della base operativa avanzata 'Lavaredo' di Bakwa, sede della Task Force South East. Gli italiani hanno risposto al fuoco mettendo in fuga gli insorti e dopo circa mezz'ora un elicottero militare ha portato all'ospedale da campo i feriti. Intanto altri scontri mortali si sono verificati nelle ultime ore in Afghanistan. Due soldati inglesi sono infatti rimasti uccisi nel sud del paese in scontri a fuoco, si tratta di un Royal Marines e di una soldatessa. Sarebbero almeno 435 militari britannici  uccisi in Afghanistan dal 2001, anno di inizio della guerra. Secondo le notizie riportate alcuni soldati afgani hanno sparato agli inglesi in un caso di insider attack quando membri dei talebani si inseriscono nell'esercito regolare per attaccare le forze occidentali. Ben più grave il bilancio di uno scontro armato a Myan Darra un villaggio del nord ovest dell'Afghanistan dove i talebani hanno preso in ostaggio alcuni civili uccidendone due e poi sono stati attaccati dalle forze regolari afgane. I soldati sono riusciti a uccidere venticinque terroristi e hanno perso cinque soldati. In tutto compresi i due civili giustiziati trentadue vittime.  Per quanto riguarda i nostir soldati nessuno di essi è in pericolo di vita secondo quanto viene riprotato dai responsabili dele comunicazioni con l'Afghanistan. Si sa solo che uno di essi è in gravi condizioni, ma non tali da compromettere la sua vita. Il nostro ministero è in stretto contatto con le autorità militari in Afghanistan per avere al più presto notizie dettagliate sulal condizioen dei feriti.



© Riproduzione Riservata.