BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

IRAN/ L'Inghilterra dice no agli Stati Uniti: niente basi militari per i bombardieri

Secondo fonti rivelate dal quotidiano inglese The Guardian, la Gran Bretagna avrebbe negato agli Stati Uniti uso di prorprie basi militari per un attacco preventivo contro l'Iran

Foto InfophotoFoto Infophoto

Il governo inglese dice no a quello americano. E' quanto risulta dopo che la notizia secondo la quale gli Stati Uniti avrebbero chiesto al Regno Unito l'uso di basi militari per i propri bombardieri, è stata resa pubblica. Gli Stati Uniti avrebbero dunque chiesto di poter utilizzare alcune basi militari per bombardieri destinati a colpire l'Iran. Un comunicato ufficiale di Downing Street fa sapere che i due governi sono sempre in stretta collaborazione per quanto riguarda la politica estera e dunque anche il caso Iran, ma il governo inglese non ritiene che una azione militare sia la cosa giusta da fare in questo momento. Un no deciso dunque che rivela che gli Stati Uniti pensano seriamente invece all'azione militare contro gli impianti nucleari iraniani. Da tempo il paese del Golfo persico è infatti accusato di star costruendo la bomba atomica. Non solo gli Stati Uniti: il governo di Sua Maestà invita anche Israele a contenersi nei suoi piani di attacco militare all'Iran. Sono le sanzioni, ha detto David Cameron, quelle che possono avere il maggior impatto per far desistere l'Iran dai suoi progetti di armamento nucleare. Secondo il giornale inglese The Guardian, gli Stati Uniti avrebbero chiesto all'Inghilterra di poter disporre delle basi militari inglesi a Cipro, nell'isola di Ascension nell'Atlantico e in quella di Diego and Garcia nell'oceano indiano. Sempre secondo indiscrezioni, il governo inglese ha avvertito quello americano che un attacco preventivo sarebbe una infrazione della legge internazionale: al momento l'Iran, che ha sempre negato di costruire armamenti nucleari, non rappresenterebbe una minaccia chiara e precisa. Le stesse fonti dicono anche che comunque gli Stati Uniti non avrebbero ancora fatto una richiesta ufficiale all'Inghilterra. Appare dunque chiaro che il Regno Unito non ha nessuna intenzione di farsi coinvolgere in una escalation che porti ad attacchi contro l'Iran e che un coinvolgimento, sempre secondo queste fonti, sarebbe possibile solo dopo che un conflitto dovesse realmente accadere. Fonti diplomatiche inglesi invece dicono che la Gran Bretagna e gli Stati Uniti stanno lavorando insieme per convincere Israele a desistere dall'uso della forza contro l'Iran.