BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

OFFESE A GESU'/ Le scritte blasfeme a Gerusalemme? I cristiani pagano la pace

Pubblicazione:

Vista panoramica di Gerusalemme  Vista panoramica di Gerusalemme

Scritte in lingua ebraica con insulti a Gesù hanno dissacrato il portone del convento di San Francesco sul Monte Sion a Gerusalemme. Le foto riportate sul sito web del luogo di culto mostrano delle frasi blu in ebraico in cui si denigra Gesù e si citano le parole “price-tag”, che indicano le vendette ebraiche che di solito prendono di mira gli insediamenti arabi o lo stesso Esercito israeliano. Ilsussidiario.net ha intervistato Giulio Meotti, giornalista de Il Foglio e autore del libro “Non smetteremo di danzare”, dedicato ai martiri di Israele.

 

Meotti, le scritte blasfeme sono un segno del crescente odio contro i cristiani oppure una ragazzata?

 

Questi atti di vandalismo rientrano nel fenomeno del cosiddetto “price tag”, forme di ritorsione vandalica che secondo una parte della stampa israeliana sarebbero imputabili agli ambienti nazionalisti religiosi, soprattutto dei coloni. I casi accertati di questo tipo però sono stati soltanto due. Per il resto la polizia e la magistratura non hanno ben capito se si tratti di hooligan, anarchici o estremisti religiosi. C’è tutto un mondo che ruota intorno ai graffiti, e di cui si parla da circa due anni. Una volta attaccano una moschea, un’altra una chiesa, un’altra ancora sbeffeggiano l’Esercito israeliano dopo l’evacuazione di un insediamento.

 

Può spiegare meglio che cosa significa “price tag”?

 

Tradotto in modo letterale, è il cartellino della spesa. Negli ambienti del nazionalismo religioso è una forma di vendetta, il prezzo che si fa pagare agli arabi, il cui mondo è rappresentato come avverso agli interessi israeliani nella West Bank o Cisgiordania.

 

Il prezzo che si fa pagare per che cosa?

 

Per ogni evacuazione o repressione dei coloni. Quando si evacua un insediamento, un avamposto o una colonia, il giorno dopo spesso compaiono dei graffiti su una moschea. Tutto ciò non è mai stato ben cifrato, non esiste una giurisprudenza, ci sono stati dei casi ciascuno dei quali è una storia a sé stante. Talora sono stati fermati dei ragazzi cresciuti nelle colonie, altre volte si è capito che si era trattato di hooligan che vivono a Gerusalemme a contatto con gli arabi. Il dato certo è che la tensione in Israele cresce ogni giorno di più, tanto è vero che qualcuno preannuncia o intravede una Terza Intifada.

 

Per quale motivo la tensione sta crescendo?



  PAG. SUCC. >