BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ABU HAMZA/ L'esperto: dagli Usa alle Filippine, ecco la mappa del nuovo terrorismo

InfoPhoto InfoPhoto

Sarà necessario capire se in futuro quei diversi gruppi non soddisfatti di tale accordo tenteranno di sabotarlo attraverso atti di terrorismo contro il governo centrale di Manila e contro coloro che invece lo hanno siglato.

Quali sono le aree attualmente più critiche e prioritarie legate al terrorismo internazionale?

E' sostanzialmente in atto uno spostamento dallo scenario afgano-pakistano, che comunque rimane indubbiamente importante, a quello più a ovest che comprende la Siria e il continente africano.

Cosa sta accadendo nell'area siriana?

La Siria si sta velocemente trasformando in un punto focale in cui numerosi jihadisti, provenienti da diverse parti del mondo e reduci da diversi conflitti, rappresentano ormai le forze principali delle milizie anti-Assad. Questo aspetto è fondamentale perché, nel caso in cui il regime siriano dovesse cadere, sarà interessante vedere quale sarà il ruolo di questi miliziani.

Quale zona dell'Africa è invece interessata?

Quest'area, non molto disconnessa da quella siriana, è costituita dal Maghreb, in particolare da quell'arco che dal Sinai arriva fino al Sahara. Si tratta di un’area che, a seguito degli scossoni politici avvenuti nell’ultimo anno e mezzo, è oggi terreno fertile per gruppi legati ad al Qaeda, in modo operativo o solamente ideologico, che hanno accesso ad armi e che risultano essere molto attivi. E' questa la zona che attualmente preoccupa più di tutte e che in qualche modo, vista anche la vicinanza geografica, potrebbe aprire a possibili ripercussioni in Europa.

Anche in Italia?

In realtà l’Italia ha sempre rappresentato un obiettivo secondario dei terroristi, fatta forse eccezione per il periodo della guerra in Iraq e il coinvolgimento delle nostre truppe. Ancora oggi, però, rappresenta una delle maggiori porte d’accesso per l’Europa.

Vi è qualche motivo di allerta in questo periodo?

E' ormai nota l’esistenza di numerosi network consolidati, presenti più o meno da una ventina d’anni in Italia, ma non credo vi sia una particolare ragione per essere preoccupati. E' ovvio che un certo stato d'allerta vi è sempre, in particolare nei confronti di un nuovo fenomeno anch'esso altrettante preoccupante.

Quale?

Quello che riguarda i gruppi solitari, improvvisati, di cui abbiamo avuto un “assaggio” nell’attentato contro la caserma caserma Santa Barbara di Milano avvenuto nel 2009. Si tratta di personaggi legati solo ideologicamente a gruppi organizzati, che quindi operano attacchi spesso molto rudimentali e poco sofisticati. Sono proprio questi gruppi, però, a essere tra i più pericolosi, proprio perché difficili da intercettare da parte delle forze di intelligence.

 

(Claudio Perlini)

© Riproduzione Riservata.