BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SIRIA/ Il rischio maggiore dei cristiani? Rimanere fuori dai giochi anti-Assad

Pubblicazione:

Bashar al-Asad (InfoPhoto)  Bashar al-Asad (InfoPhoto)

Per quanto abbiamo potuto vedere l’occidente ha sicuramente incoraggiato l’azione armata, cosciente del fatto che questa si fonde anche in buona parte sugli islamici. Ha quindi probabilmente chiesto anche garanzie politiche, ma non so se siano state sufficienti finora. Certamente non sono state sufficienti a fugare i timori della minoranza cristiana.

Nel nord-est del Paese, secondo l'Ondus, miliziani curdi schierati con l'opposizione si sono impadroniti di tre città, Darbasiya, Tal Tamer e Amouda. Cosa ne pensa?

Mi stupisce vedere i curdi scendere in campo contro Assad, visto che in realtà hanno certamente più paura della Turchia che della Siria. I curdi temono molto l’intervento di Ankara perché i diritti della minoranza curda in Turchia non sempre vengono riconosciuti e rispettati, mentre in Siria possono contare su garanzie ben maggiori.

Quanto crede potrà resistere ancora Assad?

Da un punto di vista internazionale credo possa resistere ancora a lungo, soprattutto grazie al sostegno di Cina e Russia. Sono le obiezioni di queste nazioni che portano a pensare che i paesi occidentali difficilmente potranno intervenire con un’azione militare in Siria, e infatti credo che non lo faranno mai. Da un punto di vista interno, invece, Assad può contare sul sostegno di una parte della popolazione che, anche se minoritaria, è proprio quella spaventata da un eventuale avanzata islamica.  



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.