BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GERMANIA/ Posselt (Csu): la risposta alla crisi non è l’austerity ma la "ricetta" della Chiesa

Pubblicazione:

Angela Merkel e Francois Hollande  Angela Merkel e Francois Hollande

“La soluzione per uscire dalla crisi non è l’austerity, ma un’economia sociale di mercato che non si identifichi né con il capitalismo né tantomeno con il socialismo, ma si ispiri alla dottrina sociale della Chiesa. Solo in questo modo Germania, Francia e Italia potranno ritrovare quella sintonia che è indispensabile per affrontare questo momento così difficile”. Ad affermarlo è Bernd Posselt, eurodeputato tedesco della CSU, stretto alleato della CDU di Angela Merkel nel governo tedesco. Da alcuni giorni si parla delle preoccupazioni di Berlino per le difficoltà crescenti dell’economia francese, anche se ufficialmente la Cancelleria tedesca si è trincerata dietro a un “no comment”.

 

Onorevole Posselt, quanto c’è di vero nelle indiscrezioni secondo cui la Merkel temerebbe un tracollo non solo dell’Italia ma anche di Parigi?

 

La Germania ha bisogno di una partnership molto forte con la Francia e con l’Italia. Questo è vero sempre, ma specialmente in occasione di questa crisi, in quanto la Germania non è capace di gestire la situazione da sola. Il ministro italiano dell’Economia, Vittorio Grilli, una settimana fa ha visitato Monaco di Baviera e ha fatto un’ottima impressione a tutti i politici tedeschi. Una forte cooperazione tra Germania, Francia e Italia è indispensabile nell’attuale fase.

 

Che cosa non sta funzionando nell’economia francese?

 

L’economia francese è molto forte, non è questo il problema. Il punto è che il presidente Francis Hollande quando durante la sua campagna ha fatto molta propaganda elettorale. Ha promesso che non avrebbe cambiato nulla, mentre al contrario il suo Paese ha bisogno di cambiare molte cose. Il suo duro compito ora consiste nel riformare l’intero sistema politico, economico e sociale transalpino. Il ministro per le Finanze di Parigi, Pierre Moscovici, che ho conosciuto di persona quando era membro del Parlamento europeo, ha affermato apertamente che la Francia ha bisogno di forti riforme. Il problema è che Hollande non avrà vita facile a convincere l’opinione pubblica, dopo i temi sui quali ha basato la sua campagna affermando esattamente il contrario.

 

Il punto è che per Hollande l’austerity incrementa la recessione …


  PAG. SUCC. >