BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

SANDY/ L'uragano ha spazzato via tutto, anche l'entusiasmo per Obama

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Le gas stations sono andate a secco molto presto, e fare rifornimento è diventato qualcosa tra la caccia al tesoro ed una processione penitenziale: prima bisogna trovare un rifornitore aperto, e poi sperare che dopo un'ora e più di fila sia rimasto qualcosa per te in fondo al pozzo. È saltata pure la maratona. New York c'ha provato, ma non ce l'ha fatta. Ad impossibilia nemo tenetur. E New York la maratona la voleva.

La gente si aiuta, si raccolgono e portano generi di prima necessità, soprattutto i giovani vanno nelle zone più colpite e rispondono alla chiamata di chi li vede passare su quel che è rimasto delle stradine lungo la costa. Qui anche l'esito delle elezioni è passato un po’ in secondo piano. Già non si percepivano quell'entusiasmo e senso di speranza che avevano accompagnato la prima elezione di Obama. Adesso c'è' soprattutto un acuto senso di preoccupazione. Anche se tutti cercano di "move on", di scrollarsi di dosso il peso delle conseguenze di Sandy, la routine che non riesce a riprendere il passo ci ricorda che diamo tante cose per scontate. Troppe.

© Riproduzione Riservata.